Bratislava, all’Astorka spettacolo del Teatro delle Albe di Ravenna

Domani il Teatro Astorka di Bratislava ospiterà lo spettacolo Rumore di Acque, scritto e diretto da Marco Martinelli e presentato dalla compagnia teatrale di Ravenna Teatro delle Albe con il fenomenale Alessandro Renda nel ruolo di protagonista. Rumore di acque tratta del dramma di migliaia di migranti che muoiono ogni anno inghiottiti dal Mediterraneo. Dopo il debutto al Ravenna Festival nel luglio 2010, con il patrocinio di Amnesty International, il dramma ha proseguito il suo cammino a Lampedusa, in Corsica, Germania, Belgio, Francia, Brasile, USA. Nel 2016 Rumore di acque è tornato in scena con un nuovo allestimento ideato da Ermanna Montanari. Ora arriva a Bratislava come evento conclusivo della Settimana della Lingua Italiana organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura.

Secondo il critico del Sole 24 Ore Renato Palazzi, che ha visto lo spettacolo al suo debutto, «Il mare, tra la Sicilia e l’Africa, in certi punti “sa di carne morta”, come dicono i pescatori locali, tanti sono i corpi degli annegati in queste acque solcate da barche di disperati che sognano l’approdo in Europa. Per rappresentare questo dramma quotidiano, Marco Martinelli, regista-autore di solito poco incline al teatro “civile”, ha scelto la via di un monologo visionario, denso di richiami simbolici alle nostre responsabilità collettive. Ha raffigurato l’orrore attraverso il suo contrario, la gelida, distaccata minuzia burocratica: al centro del testo ha posto una figura satanica, un generale il cui compito, su un’isola-zattera della quale è il solo abitante vivo, è censire i cadaveri, attribuire loro un numero, una collocazione in un registro, trasformando storie umane in anonimi dati d’archivio…».

La compagnia Teatro delle Albe sviluppa il proprio percorso intrecciando alla ricerca del “nuovo” la lezione della tradizione teatrale: il drammaturgo e regista Martinelli scrive i testi ispirandosi agli antichi e al tempo presente, pensando le storie per gli attori, i quali diventano così veri e propri co-autori degli spettacoli. Nel 1988 la compagnia acquisisce al suo interno dei griots senegalesi: Mandiaye N’Diaye (da allora “colonna” africana della compagnia), Mor Awa Niang e El Hadji Niang. La formazione diventa afro-romagnola, e pratica un originale meticciato teatrale che coniuga drammaturgia e danza, musica e dialetti, invenzione e radici. Gli spettacoli, da Ruh. Romagna piu’africa uguale (1988) a All’inferno! (1996), da I Polacchi (1998) al Sogno di una notte di mezza estate (2002), da Salmagundi (2004) a La mano (2005), valgono alle Albe premi e riconoscimenti, nazionali e internazionali, evidenziando una poetica rigorosa, raffinata e emozionante, capace di restituire alla scena la sua antica e potente funzione narrativa.


Quando: mercoledì 25 ottobre 2017, ore 19:00
Organizzato da: Divadlo Astorka Korzo ´90
In collaborazione con: IIC Bratislava
Ingresso 10 euro
Biglietti disponibili presso il teatro (Piazza SNP n. 33) oppure online sui siti astorka.sk a ticketportal.sk
Info: teatrodellealbe.com
Info: IIC

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google