Rubrica legale: Casella elettronica – possibile pericolo per la Vostra impresa

La legge sull’e-government prevede che dal 1° luglio 2017 la comunicazione tra le persone giuridiche e le autorità statali avvenga tramite le caselle di posta elettronica attivate automaticamente da questa data. Poiché solo il 25% delle caselle elettroniche delle persone giuridiche sono effettivamente “in uso” (fonte: Agenzia nazionale per i servizi di rete e servizi elettronici – NASES), con il presente articolo vogliamo attirare la Vostra attenzione sulle possibili difficoltà per la mancata verifica delle comunicazioni che arrivano nella casella elettronica attivata per la Vostra società.

La casella elettronica è considerata un archivio elettronico per la spedizione e ricezione della posta, nonché destinata alle comunicazioni via posta elettronica dei soggetti imprenditoriali (e facoltativamente anche privati) con gli uffici, istituzioni, corti, autorità statali e pubbliche.

Le comunicazioni effettuate tramite questi indirizzi di posta elettronica sono equivalenti a quelle effettuate in originale/cartaceo tramite il servizio postale o di persona. Ciò significa che gli effetti delle consegne e ricezioni al/dal sopra identificato indirizzo di posta elettronica alle/dalle autorità pubbliche equivalgono in tutto alle consegne/ricezioni in originale in forma cartacea.

Tutta la documentazione ricevuta al sopra indicato indirizzo di posta elettronica viene considerata come “letta” dopo 15 giorni dall’invio, anche in assenza della notifica di lettura. Questa modalità di consegna, può portare gravi conseguenze giuridiche, per esempio il decorso del periodo per l’opposizione oppure per il ricorso in appello, l’efficacia della sentenza, l’eseguibilità del decreto ingiuntivo eccetera.

La nuova Legge No. 307/2016 G.U. sulla procedura di sollecito, entrata in vigore dal febbraio 2017, prevede sia l’obbligo di presentare l’istanza per il decreto ingiuntivo esclusivamente in forma elettronica che la consegna del decreto ingiuntivo notificato all’indirizzo di casella elettronica del convenuto – persona giuridica. Il tribunale competente emette il decreto ingiuntivo entro 10 giorni, qualora tutte le condizioni processuali incluso il pagamento del bollo siano soddisfatte, e ordina al convenuto di pagare la somma dovuta entro 15 giorni. Nel caso in cui il decreto ingiuntivo sia consegnato via posta elettronica al sopra indicato indirizzo e nella eventualità che la suddetta casella di posta elettronica non fosse gestita dall’imprenditore, lo stesso potrebbe non venire a conoscenza in tempo utile dell’obbligo di pagamento e conseguentemente perdere la possibilità, ove lo ritenesse opportuno, di opporsi contro il decreto ingiuntivo. E scaduti i tempi previsti dalla legge addirittura il decreto ingiuntivo potrebbe concludersi con una esecuzione forzata.

L’utilizzo e la verifica della casella di posta elettronica richiede il possesso della carta d’identità slovacca dotata di un chip insieme al codice identificativo di sicurezza del legale rappresentate della società, di un lettore di schede e del software apposito. Nel caso in cui il rappresentante legale della persona giuridica oppure il rappresentante della branch sia una persona fisica straniera che non abbia la possibilità di ottenere la carta d’identità slovacca, tale persona è tenuta ad autorizzare un’altra persona fisica (cittadino slovacco con residenza permanente nel territorio della Repubblica Slovacca) a poter operare con la casella di posta elettronica della società e per avere accesso a tutte le decisioni ufficiali e tutti i messaggi consegnati.

Mgr. Katarína Duchoňová, avvocato
SMA advokátska kancelária s.r.o.

Vedi gli altri articoli della serie “legale”


BS

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google