Kiska chiede a Kazimir di spiegare la fuoriuscita di informazioni fiscali su di lui

Il presidente Andrej Kiska ha chiesto al ministro delle Finanze di spiegare l’uscita sui media la scorsa settimana di informazioni relativa all’evasione fiscale contestata a una sua azienda, informazioni che erano intese rimanere segrete visto che la società in questione, la Kiska Travel Agency, ha saldato il dovuto avvalendosi del “rimorso effettivo” ed evitando così una condanna. Kiska ritiene che l’informazione sia trapelata dall’Amministrazione Finanziaria (l’ufficio delle imposte) e chiede al ministro Kazimir quali misure il suo ministero intende adottare a proposito. Le notizie sono arrivate ai mezzi di informazione attraverso email anonime inviate dall’Ucraina, e sono «pratiche mafiose che sono state utilizzate contro i politici in passato … e ora anche contro il capo dello Stato», ha scritto Kiska su un social network. «Nessun cittadino, non uno solo in Slovacchia, si può sentire sicuro che tali pratiche mafiose non saranno utilizzate prima o poi contro di lui», ha aggiunto il presidente, attendendosi una risposta dal ministro Kazimir che la scorsa settimana escludeva che i dati fossero usciti dall’Amministrazione Finanziaria.

Oggi Kiska è tornato sulla questione in un incontro con Kazimir, sottolineando che è necessario esaminare accuratamente i casi di abuso privato dei dati dei contribuenti, dato che la cosa si ripete, e ha chiesto una indagine approfondita sul suo caso, citando anche il recente caso dei dati fiscali del deputato dell’opposizione Igor Matovic (Olano).

(Red)


Foto prezident.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.