Al sicuro le forniture invernali di gas per la Slovacchia

Secondo il ministero dell’Economia i consumatori slovacchi possono stare tranquilli per i mesi invernali in arrivo, in quanto le riserve di gas nel paese sono sufficienti per scongiurare una eventuale crisi come quella sperimentata nel 2009. Grazie alle misure messe in atto anche quest’anno, il settore è preparato a eventuali disfunzioni nell’approvvigionamento della materia prima, ha scritto il ministro dell’Economia in una relazione da presentare al governo. Sono circa 1,5 milioni i consumatori di gas in Slovacchia, che saranno riforniti, tra l’altro, con gas dagli impianti di stoccaggio sotterranei gestiti dalle società Nafta, Pozagas e SPP Storage. All’inizio di agosto 2017 erano immagazzinati già 2,5 miliardi di metri cubi di gas, che rappresentano oltre il 60% della capacità totale, un processo che continua anche in queste settimane. Inoltre, il parco fornitori è stato ampliato e diversificato, per essere meno dipendenti dai rifornimenti di gas dalla Russia che arrivano attraverso il territorio dell’Ucraina. Anche i tracciati per la provvista del gas si sono ampliati, e in caso di crisi la Slovacchia può contare su altri percorsi venuti a disposizione con interconnessioni con le reti del gas di Repubblica Ceca, Austria e Ungheria.

Nel gennaio del 2009 la Slovacchia divenne vittima dello stop totale delle forniture di gas naturale deciso dalla Russia nella guerra tra Mosca e Kiev per l’insolvenza dell’Ucraina. Questa, oltre a un forte debito non saldato per il gas utilizzato, ne prelevava anche dalle condotte che trasferivano la materia prima dalle steppe russe verso l’Europa occidentale. Il problema in Slovacchia è durato circa due settimane, nel corso delle quali diverse aziende hanno dovuto sospendere l’attività per la precedenza data dalle autorità all’uso residenziale, in particolare per il riscaldamento durante un inverno piuttosto rigido.Anche nel 2015 si è verificata una nuova crisi tra le due repubbliche ex sovietiche, che però non ha avuto conseguenze in Slovacchia. Anche a causa della crisi tra Russia e Ucraina è nato il gasdotto Nord Stream che rifornisce la Germania direttamente, passando sul letto del Mar Baltico.

(La Redazione)


Foto eustream.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.