Nominata dal presidente Martina Lubyova come nuova ministra dell’Istruzione

Il presidente Kiska ha nominato questa mattina Martina Lubyova come nuovo ministro per l’Istruzione, la scienza, la ricerca e lo sport, persona scelta dal Partito Nazionale Slovacco per sostituire Peter Plavcan costretto a dimettersi in agosto sull’onda di uno scandalo relativamente alla concessione di fondi europei per ricerca e innovazione. Il capo dello Stato ha detto che la popolazione si aspetta che il nuovo ministro prepari al più presto le condizioni per assicurare agli scienziati slovacchi fondi necessari per le loro ricerche. Inoltre, sarà necessario per il nuovo ministro informare al più presto su come si svolgeranno i test scolastici di quest’anno per gli studenti del quinto anno, riferendosi al fatto che il precedente ministro non ha allocato i finanziamenti per lo svolgimento dei test nazionali di lingua slovacca e matematica del quinto anno. Kiska si è anche augurato che la nuova responsabile del ministero abbia abbastanza forza, energia, coraggio e prudenza per affrontare le sfide quotidiane in un dicastero «importante e complicato» come il suo, ricordandole che il suo lavoro avrebbe determinato il futuro di decine di migliaia di studenti negli anni a venire.

La signora Lubyova, che non è membro del partito SNS, ha incassato ieri le congratulazioni del mondo degli accademici, che sono piuttosto concordi nel dire che si tratta di una scienziata rispettata, che potrebbe fare molto per migliorare il settore scolastico slovacco. Pavol Sajgalik, presidente dell’Accademia Slovacca delle Scienze (SAV), l’istituzione nella quale la neoministra era fino a oggi capo dell’Istituto di Prognostica, ha dichiarato a Pravda che si tratta di una donna «con una visione e che non ha paura delle sfide» che di recente è riuscita a fondere ben tre importanti istituti di ricerca di SAV in un nuovo organismo perfettamente funzionante e già oliato.

Anche due rettori di università tecniche, il professor Robert Redhammer della STU di Bratislava e Stanislav Kmet della TUKE di Kosice, ritengono la Lubyova una buona scelta, persona competente e con il polso necessario per guidare il ministero.

Aperture di credito le sono pervenuti dal capo del sindacato della scuola e ricerca, Pavel Ondek, che si augura sia in grado di completare la riforma programmatica del sistema scolastico slovacco Learning Slovakia portandola a compimento. E dal partito di opposizione Gente Comune (OlaNO-NOVA), che in una nota ha dichiarato che Martina Lubyova non deve necessariamente essere un cattivo ministro dell’istruzione, anche se ci si aspettava che sarebbe stato nominato qualcuno che avesse più familiarità con la problematica del sistema scolastico. OlaNO dice di essere pronto a collaborare, in attesa che il nuovo ministro riesca a portare il settore dell’istruzione fuori dall’emergenza, e promette di rimanere come già in passato un pungolo perché il ministero faccia il massimo.

(La Redazione)


Foto prezident.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google