Sulik propone di ridurre gli stipendi parlamentari della cosiddetta “imposta Fico”

La paga dei deputati sarà decurtata della cosiddetta “imposta Fico”. «Stiamo introducendo l’imposta Fico, che sarà pari al doppio del valore percentuale del deficit dello Stato» ha detto ieri il Presidente del Parlamento Richard Sulik (Libertà e Solidarietà / SaS).

Sulik ha aggiunto che in virtù di questo emendamento alla legge per il rimborso ai pubblici ufficiali, i costi totali per i parlamentari dovrebbero scendere del 10,13% nel 2011. Sulik crede che, avendo i loro stipendi derivanti dallo stato di deficit pubblico, i deputati saranno motivati a passare solo leggi che non aumenteranno oltre il deficit pubblico.

Tra le altre cose, Sulik propone il non congelamento degli stipendi parlamentari, perchè pensa che non ha senso averli congelati (un provvedimento fatto dal Governo di Robert Fico). Inoltre, vuole tagliare el 10% le compensazioni forfettarie ai deputati – riducendole dal 70 al 60% per quelli che abitano a Bratislava e dall’80 al 70% per gli altri. Sulik propone anche di ridurre la buonuscita di cinque mesi dei parlamentari a soli tre mesi.

In ogni caso, dice il quotidiano Sme, gli stipendi dei parlamentari si ridurranno solo del 4% in media, il resto dei tagli riguarderà gli assistenti dei deputati, o i loro uffici.

La proposta, di cui è prevista la discussione in Parlamento in Novembre, rappresenta una soluzione di compromesso, concordata dopo averne discusso con tutti i capogruppi della Coalizione di maggioranza.

Lo scorso Sabato, parlando alla trasmissione della Radio Slovacca ‘Sobotne Dialogy’ della proposta di riduzione degli stipendi del doppio del deficit pubblico (in percentuale), Fico aveva criticato l’idea che, seppure a breve utile, a lungo termine potrebbe fare addirittura guadagnare ai deputati anche 6.000 euro in più all’anno. Sulik, presente alla discussione, aveva ammesso che in certe circostanze la cosa sarebbe anche potuta accadere, ma ha reclamato che questo succederebbe solo se il deficit scendesse quasi a zero.

I partner di Coalizione comunque non sostengono con entusiasmo la proposta di Sulik, scrive oggi il quotidiano Hospodarske Noviny, definendo un problema votare «una proposta legata al deficit», come ha detto il responsabile del gruppo parlamentare SDKU-DS Jozef Mikus. I Cristiano Democratici (KDH), del resto, pensano di presentare una loro proposta, e il capogruppo  di Most-Hid Laszlo Solymos ha detto che non respinge l’idea, ma «non può garantire per il sostegno di tutti». Nessun supporto è poi probabile dall’opposizione.

(Fonte TASR)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google