La Slovacchia a caccia di un compromesso nella direttiva UE sui lavoratori distaccati

Una direttiva sui lavoratori distaccati all’estero nell’Unione europea, che dovrebbe essere approvata dai ministri dell’UE questo autunno, è contrastata da Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria, cui rimangono un paio di mesi per trovare un compromesso che protegga i lavoratori dell’Europa centrale che lavorano nei paesi nell’Europa occidentale. Il segretario di Stato del ministero degli Esteri Ivan Korcok ha affermato che non è più possibile fermare la direttiva, come è stato fatto in passato, e ora si lavora alla ricerca di un compromesso accettabile. Come ha detto Korcok, la Slovacchia e gli altri paesi del V4 cercheranno di fare di tutto per mantenere esente dalla direttiva il settore dei trasporti, ma anche di far slittare di un paio di anni la normativa prima che divenga effettiva.

Il vicepresidente slovacco della Commissione europea, Maros Sefcovic, è convinto che a ottobre il provvedimento passerà. La commissione è impegnata a raggiungere un ampio accordo politico tra gli stati membri che sarà discusso dal consiglio dei ministri del Lavoro nel mese di ottobre. Sefcovic si augura che l’incontro del presidente francese Macron con i leader di Slovacchia, Repubblica Ceca e Austra, che si è svolto oggi, possa aiutare a raggiungere l’obiettivo, che è una delle priorità fondamentali della commissione per colmare il gap tra gli standard dei lavorarori dell’Europa centro-orientale e quelli dell’Europa occidentale. Sefcovic spera che si stabilirà il principio della parità di condizioni salariali per lo stesso lavoro nello stesso paese, fermando le pratiche di dumping sociale in atto oggi.

Dopo aver incontrato Macron a Salisburgo, il primo ministro Fico ha detto che vuole bloccare il dumping sociale e che «non possiamo mettere in pericolo i lavoratori slovacchi consentendo ai datori di lavoro di assumere stranieri in condizioni che discriminerebbero i nostri lavoratori».

(Red)


Foto Gellinger/CC0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.