Solo la riqualificazione può ridurre la disoccupazione nelle aree poco sviluppate

Secondo l’Istituto per l’occupazione, organizzazione non profit slovacca, andrebbe cambiato il metodo di sostegno per i distretti della Slovacchia meno sviluppati. Il calo del tasso di disoccupazione in 12 di tali aree è infatti solo una frazione della discesa della disoccupazione a livello nazionale, mentre il Paese sta vivendo un periodo di crescita economica e di aumento dell’occupazione.

I dati dei centri per il lavoro indicano, dice l’istituto, che dal giugno 2014 il numero di persone senza lavoro è diminuito del 42% e si è pure dimezzato il numero dei disoccupati di lunga durata. Ma nei distretti che sono più indietro il trend è molto meno evidente: il calo di disoccupati è “solo” del 33 e 40%, rispettivamente, comportando un ulteriore allargamento del divario regionale.

Oggi la legge per il sostegno ai distretti meno sviluppati prevede contributi finanziari limitati che necessitano di una grande quantità di burocrazia, e i contributi vengono pagati solo dopo la firma dei contratti e una lunga procedura individuale di riesame. Secondo l’Istuituto per l’occupazione, il sistema è inadeguato e potrebbe portare a un vero abbassamento dei senza lavoro soltanto nel lunghissimo periodo. Si dovrebbe invece introdurre un mercato del lavoro inclusivo e soltanto una forte spinta alla riqualificazione dei lavoratori potrà aiutare a far scendere in maniera significativa le persone che non hanno un lavoro nelle cosiddette “valli della fame” slovacche.

(Red)


Foto ILO cc-by-nc-nd

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google