Prima Banka da oggi terza banca in Slovacchia con l’incorporazione di Sberbank

Da oggi 1 agosto cessa di esistere Sberbank Slovensko, i cui asset sono stati inglobati ufficialmente da Prima Banka, che ne diventa successore legale. Tutti i clienti di Sberbank potranno continuare ad operare e utilizzare gli stessi prodotti e servizi come prima, alle stesse condizioni, informa la direzione della nuova banca.

L’operazione rinforzerà parecchio Prima Banka, che ora farà sentire il fiato sul collo alle banche più grandi soprattutto nel settore delle imprese, uno dei pilastri dell’attività di Sberbank, entrata nel mercato slovacco nel 2013 comprandosi Volksbank. Con questa acquisizione, Prima Banka è diventata la terza banca in Slovacchia per numero di filiali.

Prima Banka è nata nel 2011 quando il gruppo finanziario Penta Investments ha soffiato al concorrente J&T, che era pure interessato, le attività slovacche di Dexia Banka acquisendone il 94% dal fallimento del gruppo bancario franco-belga.

Penta aveva comprato nel 2015 Sberbank, con i suoi 42 sportelli (15 a Bratislava) e 665 dipendenti per un valore stimato di 2 miliardi di euro, ma solo ora l’istituto entra a far parte a tutto tondo del business della controllata Prima Banka, che già negli ultimi anni era cresciuta molto e che intende ancora rafforzarsi a livello regionale.

Nel primo semestre di quest’anno Prima Banka avrebbe registrato un utile netto di 6,8 milioni di euro (+3%), con un totale di 1,3 miliardi di prestiti concessi a privati (+19%), e 1,1 miliardi di mutui (+20%). Con quelle di Sberbank le sue filiali diventano circa 150, e oltre 230 gli sportelli Atm.

(Red)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google