UE, migranti: Juncker propone a Fico e ai paesi Visegrad un mini-summit con l’Italia

Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria insieme con i vertici Bruxelles e Roma per cercare compromessi. Fico ribadisce: “Noi abbiamo problemi col sistema delle quote”

Bruxelles – Jean-Claude Juncker ha intenzione di riunire attorno a un tavolo i principali attori della vicenda tutta politica dell’immigrazione. Il presidente della Commissione europea vuole discutere con quelli che oggi sono i principali Stati membri a frenare i progetti di gestione comune della crisi, vale a dire i Paesi Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria, noti anche come V4), quelli cioè che fin qui non hanno partecipato al meccanismo comune di ricollocamento dei migranti. In occasione dell’incontro ieri con il primo ministro slovacco Robert Fico, Juncker ha suggerito di «organizzare insieme ai Paesi del gruppo Visegrad un meeting sulle questione affari generali con la Commissione europea». Un mini-vertice ristretto aperto a un altro partecipante: l’Italia. «Siccome si parla di immigrazione ci piacerebbe invitare anche il primo ministro italiano, Paolo Gentiloni, dato che la Slovacchia in una lettera ha espresso la volontà di trovare un compromesso» sul tema.

L’idea sembra essere accolta dalla Slovacchia, con Fico che indicativamente fissa per settembre il momento della possibile riunione. «Il nostro Paese ha grandi problemi con il principio delle quote» dei migranti da accogliere, ricorda il premier slovacco, lasciando intendere che compromessi, semmai ci saranno, non saranno facili da raggiungere. Brastislava non sembra intenzionata ad arretrare di un centimetro, e anche quando la Corte di giustizia dell’Ue si pronuncerà in modo definitivo sul ricorso slovacco contro il meccanismo di redistribuzione dei richiedenti asilo, non è detto che gli slovacchi collaborino. «Non posso dire cosa farà il governo», taglia corto Robert Fico, che comunque plaude all’iniziativa di Juncker. «I meeting a 27 non sono i posti ideali per discutere nello specifico, preferisco i consessi più ristretti, vorrei ce ne fossero di più». La visione europea della Slovacchia.

(Emanuele Bonini, via Eunews.it)

La conferenza stampa con Fico ha visto anche una scena gustosa quando Juncker sente squillare il telefono e davanti ai giornalisti dice «è mia moglie», per poi controllare meglio e chiosare «no, era la signora Merkel», con scroscio di risate di tutti i presenti.


Foto © European Union

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google