Le prossime tappe dell’intelligenza artificiale, fino al 2053

Entro 35 anni i robot saranno scrittori di successo, traduttori e autisti. Ma l’IA offre anche molte opportunità per migliorare il business. Se ne è parlato al ThINK Digital di GroupM.

Nel 2024 i sistemi di intelligenza artificiale tradurranno le lingue straniere meglio dell’uomo. Nel 2027 condurranno meglio di noi autobus, camion e automobili. Per la scrittura di un best seller, invece, bisognerà aspettare fino al 2049. Queste sono le date che indica uno studio di Harvard e Yale sull’avanzamento dei livelli di sofisticazione delle macchine intelligenti, di cui si è parlato al ThINK Digital, organizzato a Milano da GroupM con il supporto di The European House Ambrosetti, al quale hanno  partecipato alcuni tra i maggiori esperti del settore.

Attività che fino a un po’ di tempo fa venivano considerata fuori portata per i sistemi di intelligenza artificiale, diverranno una realtà nel giro di massimo 35 anni. Il livello di sofisticazione sarà tale che, stando alle previsioni dei ricercatori, nel 2053 i robot effettueranno la loro prima operazione chirurgica. Ed è proprio grazie a sistemi di intelligenza artificiale sempre più sofisticati che le aziende possono anticipare oggi i bisogni del consumatore: big data e machine learning permettono di comunicare efficacemente con quei consumatori che ancora non sono fedeli a un determinato brand, ma potrebbero facilmente diventarlo.

«Le nuove idee emergono per soddisfare desideri spesso inespressi», ha chiarito Massimo Beduschi, amministratore delegato di GroupM Italia.

Gli investimenti globali in intelligenza artificiale nel 2010 erano stati di 45 milioni di dollari. Due anni fa, e a soli cinque anni di distanza, questa cifra è  sestuplicata, per un ammontare globale di investimenti pari a 310 milioni di dollari. L’anno più importante, in questo senso, è stato il 2014 che ha visto un investimento globale pari a 394 milioni di dollari. Secondo Accenture, le tecnologie di intelligenza artificiale porteranno entro il 2035 a un raddoppio annuale della crescita economica in 12 economie sviluppate e miglioreranno la produttività fino al 40 per cento.

Per quanto riguarda il contesto europeo, la società belga Sirris ha pubblicato un report relativo ai dati delle operazioni realizzate in Europa nelle scaleup AI in diverse industry e realizzato un report sugli investimenti nel 2016: gli investimenti totali sono stati di 1,8 miliardi in 22 paesi. Le città in cui si è investito di più sono Londra, Parigi e Stoccolma e la Gran Bretagna guida la classifica per numero di operazioni concluse.  Solo due giorni fa Google ha lanciato Gradient Ventures, un nuovo progetto di venture capital per le start up innovative che operano nel settore dell’AI. Attraverso questo nuovo “braccio”, Google supporterà imprese nascenti con finanziamenti e col know how dei suoi esperti in materia puntando a dare una spinta ai progetti più promettenti.

(Sara Moraca via Wired.it, cc-by-nc-nd)


Illustr.: geralt CC0

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

ARCHIVIO

pubblicità google