Ministero Agricoltura: troppi grandi predatori in Slovacchia, necessario regolamentarli

Secondo il ministero dell’Agricoltura è necessario regolamentare il numero di orsi e lupi nelle foreste slovacche, una quantità che è segnalata essere in aumento e che provoca danni non solo all’allevamento di bestiame e all’agricoltura, ma anche per l’elevato numero di predatori in aree ristrette e per la loro sempre maggiore temerarietà nei rapporti con l’uomo, dice un rapporto del dicastero. Al momento, tuttavia, scrive Pravda in un lungo articolo, non sono state indicate le possibili soluzioni su come porre un limite al proliferare di questi animali.

Secondo il corpo forestale, nel marzo 2016 vivevano in Slovacchia 2.235 orsi, 18 sono quelli uccisi dai cacciatori l’anno scorso e altri 16 sono deceduti per cause naturali. I lupi, dice il rapporto, erano circa 2.540, 47 uccisi e 6 trovati morti. I grandi carnivori (lupo, lince e orso in particolare) hanno causato danni al patrimonio forestale e all’agricoltura per 1,75 milioni di euro, il 20% in più dell’anno prima, indica il ministero. Nel corso dell’ultimo anno sono stati registrati 38 attacchi di orso bruno sugli esseri umani, evidenzia il ministero, sei in più dell’anno precedente.

I camosci dei Tatra, una razza specifica delle montagne slovacche, sarebbero arrivati a 1.262 esemplari, 234 in più del precedente censimento annuale. In aumento anche il numero di ungulati, tra cui cervi, daini e caprioli, che hanno provocato, dice la relazione, danni ecologici ed economici per oltre un milione trecentomila euro, anche a causa di un eccessivo rifornimento di viveri durante questi ultimi inverni miti, e di gallo cedrone e fagiano di monte.

Di parere contrario a quello dei funzionari dell’Agricoltura sono invece istituzioni come l’Organizzazione statale per la conservazione della natura (ŠOP) e il ministero dell’Ambiente, che sostengono che il numero di animali nei boschi è molto inferiore a quello che viene rivendicato, e che secondo loro deriva da statistiche di caccia tenute dai gestori delle tenute di caccia, e che potrebbero non tenere conto del movimento di animali da un territorio all’altro, venendo censiti due volte. Secondo il quotidiano Pravda le differenze nel numero di orsi e lupi segnalati dai due ministeri sono enormi, e c’è il sospetto che sia dovuto al tentativo di aumentare le autorizzazioni per la loro caccia. Del resto, tra le file dei parlamentari vi sono diversi cacciatori, e il trofeo di un orso da appendere in casa fa sempre gola, insinua il giornale.

Le stime e le ricerche svolte dal ministero dell’Ambiente dicono che attualmente vivono in Slovacchia circa 1.200 orsi e tra 300 e 600 lupi. I dati degli orsi risalgono al 2013, a una ricerca condotta dal ministero insieme a ricercatori dell’Università Tecnica di Zvolen, facendo analisi del Dna di campioni fecali.

(La Redazione)


Foto Bob cc-by-nc-nd
Foto colfelly/CC0
Foto Matus Benian cc-by

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

ARCHIVIO

pubblicità google