KOZ: il sussidio minimo di sussistenza in Slovacchia è del tutto insufficiente

La Confederazione dei sindacati slovacchi (KOZ) afferma che il sussidio minimo di sussistenza in Slovacchia è insufficiente, e numerosi dei beneficiari si trovano a rischio di povertà. Durante un conferenza stampa oggi, KOZ dice che questo succede malgrado il suo livello sia stato aumentato dal 1° luglio a 199,48 euro al mese, il primo aumento da quattro anni a questa parte.

Assistiamo ormai da 15 anni a sviluppi negativi nella somma minima di sussistenza, dato che la crescita è soprattutto spinta dall’aumento dei prezzi e quindi da un sempre maggiore costo della vita, dice KOZ, secondo cui la mancata crescita del minimo di sussistenza ha impatto sul calcolo di diversi indicatori come le indennità per i figli p per l’assistenza infantile sostitutiva, e il minimo di sussistenza dovrebbe almeno essere alzato fino al livello di rischio di povertà, che nel 2016 era pari a 347,58 euro mensili.

Tra chi vive al limite della povertà a causa di questi meccanismi sono ad esempio coloro che ricevono i sussidi di necessità, circa 680.000 persone, ma il 12,3% della popolazione slovacca è minacciata dal rischio di povertà o di esclusione sociale, dice KOZ, un vortice da cui è difficile uscire. La Confederazione dei sindacati invita il governo a rivedere il meccanismo di calcolo per riflettere maggiormente la realtà.

(Red)


Foto Jaroslav A. Polák cc-by-nc-nd

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.