Il grande ammutinamento elettorale in Europa

Un’analisi delle recenti tornate elettorali in Italia, Francia e Regno Unito conferma il successo del voto di protesta e rivela l’affermazione di una nuova forza “politica”: il fronte degli ammutinati [di Alfio Mastropaolo, Sbilanciamoci.info]

I significati delle parole e dei gesti notoriamente cambiano. Nello spazio e nel tempo. Tra i gesti e le parole e i gesti che stanno attualmente cambiando di significato c’è pure il voto. Che è già cambiato altre volte. Una cosa era il suo significato iniziale, quando il suffragio era ristretto, e il voto era una testimonianza di deferenza, o d’amicizia, di un pugno di elettori nei confronti di un notabile, un’altra cosa è divenuto il voto al tempo del suffragio universale. È probabile che per una quota di nuovi elettori, che non erano ben al corrente dei suoi effetti, il significato del voto fosse dapprincipio quello di un adempimento burocratico: in Italia tra le elezioni del 1909 e quelle del 1913, le ultime a suffragio ristretto, le prime a suffragio cosiddetto universale, la percentuale dei votanti scese dal 65 al 60 per cento. Ma col tempo, grazie all’azione promozionale dei partiti di massa, il voto acquistò un nuovo significato. Secondo Alessandro Pizzorno, divenne più rivendicazione di appartenenza che non atto di scelta. Gli elettori confermavano la loro affiliazione a un partito inteso quale collettività di riferimento, ma comunque votavano.

È probabile che a lungo andare il voto come scelta abbia preso un po’ di quota. In ragione del più elevato livello d’istruzione e informazione degli elettori. Ciò malgrado, il voto di appartenenza persiste: il Veneto bianco è sempre bianco, anche se la Lega manca delle salutari ipocrisie della Dc; l’Emilia è sempre rossa, anche se un po’ impallidita. Il voto è come l’appartenenza calcistica. Non vi si rinuncia facilmente. Perfino il collasso dei partiti storici in Italia non ha stravolto la sociologia elettorale. Con qualche fatica l’elettorato si è riaccasato tra i nuovi contenitori che sentiva più prossimi.

I partiti lo sanno e ne approfittano. Si concedono da tempo mosse molto poco convenienti ai propri elettori, contando sulla loro fedeltà e cercando di abbacinarli col marketing elettorale e gli effetti speciali della leadership personale. Se non che, la fedeltà degli elettori ha pur sempre un limite. A osservare i loro comportamenti, la loro insofferenza nei confronti dei partiti convenzionali e delle politiche da essi adottate è in crescita da almeno un ventennio. Le differenze tra i partiti non sono irrilevanti. Prodi non era Berlusconi. Blair non era la Thatcher. Sarkozy e Hollande non si equivalgono. Ma le politiche adottate sono pur sempre modulazioni differenti di orientamenti analoghi. Visto che il voto ha perso ogni valore, tanto di appartenenza, quanto di scelta, ecco che allora gli elettori protestano o si ammutinano. Protesta e ammutinamento sono i nuovi significati del voto.

Una prima forma di protesta è arcinota e consiste nel rivolgersi alla nuova destra estrema, sotto l’etichetta edulcorata di populismo. Che ha promosso la radicalizzazione antipolitica degli elettori insofferenti verso lo Stato sociale, gli immigrati, il Mezzogiorno, l’Ue. Ma è riuscita ad attrarre pure elettori provenienti dal versante opposto. Meno di quanto i media si compiacciano di raccontare. Ma c’è effettivamente una quota di ex-elettori di sinistra che per disperazione si è riconvertita. Forse solo provvisoriamente.

Una seconda manifestazione di protesta è il voto per quelli che potremmo chiamare i partiti-Zelig. Grillo ne ha inventato uno per primo, attirando un po’ di scontenti di sinistra, per poi rivolgersi, eccitato dal successo, a quelli di destra, disorientati – provvisoriamente – dal collasso di Berlusconi. Ha perfino fatto scuola. Anche quello fondato da Macron in Francia è un partito-Zelig, anche se più raffinato. È il paradosso di un partito anti-establishment promosso addirittura dall’establishment e guidato da un personaggio che, dopo esser stato assistente di un filosofo à la page, ha fatto il banchiere, l’alto funzionario, il ministro: una sintesi perfetta dei quartieri alti, tecnocratico-imprenditoriali, d’oltralpe.

Una terza possibilità, non secondaria, che da qualche parte funziona, è il voto per i partiti della nuova sinistra, anch’essi frettolosamente – e strumentalmente – etichettati come populisti: Syriza, Podemos, lo Scottish National Party.

Continua a leggere qui


Foto Jelena Prtoric cc-by-nc-sa

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

ARCHIVIO

pubblicità google