Bratislava: rapporto annuale sul mercato immobiliare

Gli slovacchi preferiscono acquistare piuttosto che affittare la casa in cui vivere. La tendenza è stata alimentata nel 2016 dai tassi di interesse dei mutui al di sotto del 2%. Ma i prezzi di appartamenti e case a Bratislava sono tra i meno accessibili di 18 città europee, secondo il rapporto “Housing 2017” della società RE / MAX.

Lo scorso anno il prezzo medio di vendita di un appartamento in città era di 157.500 euro, ma solo di 60.000 per un appartamento in campagna. L’offerta di nuovi appartamenti a Bratislava nel 2016 è aumentata in modo significativo (+33%), ma la domanda sta crescendo più lentamente. Il 64% dei nuovi edifici nella capitale è effettivamente occupato e ci sono 3.400 case vuote.

Secondo gli analisti, quest’anno i prezzi di vendita degli appartamenti nelle aree urbane e nelle aree rurali dovrebbe aumentare del 5% in media, mentre i prezzi dell’affitto dovrebbero aumentare del 3% in città e rimanere quasi invariati nei villaggi.

Il prezzo medio di vendita per metro quadrato di una casa è 1.520 euro nelle città e 510 fuori. Il costo degli affitti rimane costante: circa 10 euro al metro quadro per le case e appartamenti in città e circa 5 euro le altre.

Il rapporto annuale indica una differenza tra i paesi industrialmente avanzati, dove un appartamento in affitto offre indipendenza e flessibilità negli spostamenti per lavoro, mentre nei paesi post-comunisti gli immobili residenziali sono considerati uno status symbol.

La casa per gli slovacchi è una delle certezze nella vita: possedere un appartamento in città, una casa sulla spiaggia o un cottage in montagna dà una sensazione di ricchezza. Ma è davvero così?

La casa di proprietà non è senza costi, e questi sono spesso elevati: manutenzione, rate del mutuo, tasse. La Banca Nazionale ha messo in campo una serie di misure per prevenire i problemi dei risparmiatori con i pagamenti del mutuo. Da quest’anno è infatti più complicato ottenere un mutuo a causa delle restrizioni applicate dalle banche nel fornire i prestiti e della valutazioni della capacità del richiedente di pagare le rate a lungo termine. Inoltre, i prestiti a copertura totale o superiori all’80% del costo dell’immobile saranno approvati ora solo in casi molto limitati.

(Fonte BDE)


Foto shawnclover cc-by-nc

1 Commento

  1. Nessuna previsione di quando la bolla si sgonfierà?? Era questa la conclusione e l’unica notizia utile … e non c’era ….. Poi : chi parla di costi della casa di proprietà non sa di che parla … il mutuo non va messo nei costi , perchè non è un costo della casa … per essere proprietario la dovrai pur pagare, no ? Manutenzione … se non hai una catapecchia le spese non sono un granchè e… le tasse ??? forse l’analisi l’ha fatta uno che abita in centro ed ha 500 mq …. perchè le tasse sono irrisorie …. non stamo parlando dell’IMU ….. ! ma chi le scrive queste cazzate ??

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.