Zilina, la mostra di Isgrò ancora visibile fino al 18 giugno

Il 18 maggio presso la prestigiosa Galleria di Arte della città di Zilina è stata inaugurata, dopo vari mesi di intensa preparazione, la prima mostra in Slovacchia dedicata a Emilio Isgrò. L’esposizione, organizzata dall’Istituto di Cultura in collaborazione con l’Archivio Carlo Palli di Prato, l’Archivio Emilio Isgrò di Milano e la predetta galleria, viene realizzata proprio nell’anno in cui l’artista siciliano noto a livello internazionale compie 80 anni.

Isgrò nel corso della sua carriera ha partecipato per ben 4 volte alla Biennale di Venezia – nel 1972, 1978, 1986, 1993 – ha vinto il primo premio alla Biennale di San Paolo nel 1977, mentre nel 2015, all’Expo di Milano, la sua scultura in marmo di 7 metri “Il Seme dell’Altissimo” è stata vista da milioni di visitatori di tutto il mondo.

Le 40 opere esposte a Zilina spaziano su vari periodi della produzione di Isgrò e si soffermano in particolare sulle cancellature, le opere rivoluzionarie e concettuali create dall’artista a partire dall’inizio degli anni ’60 e diventate il carattere maggiormente distintivo del suo stile.

Uno dei punti centrali dell’esposizione è “L’Ave Maria”, una installazione composta da una statua e un polittico di 12 acrilici su tela; questa monumentale opera, prima di Zilina, era già stata esposta in sedi importanti, tra cui il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato nel 2008, la Taksim Art Gallery di Istanbul nel 2010 e la Galleria di Arte Moderna di Roma nel 2013.

All’affollata inaugurazione hanno preso parte lo stesso Emilio Isgrò, l’Ambasciatore d’Italia Gabriele Meucci, il Direttore della Sezione Cultura della Regione di Zilina Miroslava Sevcikova Sumska, il Direttore della Galleria di Arte di Zilina Milan Mazur, Carlo Palli, proprietario dell’omonimo archivio e la curatrice Laura Monaldi. Si segnalano anche le qualificate presenze di curatori come Eva Luptakova, Direttore della Galleria di Arte di Dolny Kubin, e artisti tra cui Alex Mlynarcik leggendario artista slovacco, coetaneo di Isgrò, anche lui visibile all’Expo di Milano.

Il 20 maggio in occasione della Notte europea dei musei e delle gallerie, con ingresso libero, la mostra è stata visitata da un gran numero di persone.

La mostra di Emilio Isgrò – realizzata anche grazie ad una sponsorizzazione della VUB Banka Gruppo Intesa San Paolo e accompagnata da un catalogo bilingue pubblicato da questo IIC – si svolge sotto il patrocinio del Ministro della Cultura slovacco Marek Madaric e del Presidente della Regione di Zilina, Juraj Blanar. Il testo più ampio della pubblicazione è a firma di Achille Bonito Oliva.


Cosa: Emilio Isgrò, Opere dall’Archivio Carlo Palli
Apertura: fino al 18 giugno 2017, dalle 09:00 alle 17:00
Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura a Bratislava
In collaborazione con: Archivio Carlo Palli di Prato e Galleria di Arte di Zilina
Ingresso a pagamento
Info: www.pgu.sk
Info: www.emilioisgro.info
Vedi l’album fotografico dell’inaugurazione

(Marco Gerbi, IIC)


Foto: Marek Jančúch/IIC

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google