Donald il tragico Charlot: una parabola americana

[Di Ugo Tramballi, via ispionline.it] – Senza andare ai bastioni di Orione, in pochi mesi abbiamo visto cose che noi umani non potevamo immaginare: un’America che si trasforma in un paese chiuso dietro le mura dei suoi vasti confini, destinato all’arretratezza. Da Cupertino al carbone: una Sparta che ha deciso d’ignorare il suo luminoso lato ateniese, distruttrice di quel sistema internazionale politico ed economico che lei stessa aveva creato.

Quasi un’involuzione nord-coreana. Di più: la trasformazione degli Stati Uniti in una gigantesca comunità Amish che si scalderà e s’illuminerà col carbone anziché i pannelli solari; che per reagire all’invadenza delle auto tedesche – migliori, ecologiche, tecnologiche e meno care – tornerà a cavalli e carrozze; che deperirà a uno stato di terzo mondo psicologico, idolatrando armi, inquinamento e obesità.

Il virus trumpista è contagioso. Il repubblicano Bob Corker del Tennessee, presidente della Commissione senatoriale per le relazioni estere, sosteneva che il primo viaggio presidenziale fuori dai confini americani aveva avuto un successo “vicino alla perfezione”. Rivediamone le tappe. A Riad Trump ha deciso di rendere gregaria la politica Usa in Medio Oriente a quella dell’Arabia Saudita: il paese più reazionario del mondo che odia chiunque non sia musulmano sunnita, ex grande finanziatore di al Qaeda ma che tutt’ora diffonde nel mondo il wahabismo, punto di partenza dogmatico del terrorismo islamico.

Dopo essere stato scambiato per il messia dagli israeliani per le promesse in campagna elettorale, a Gerusalemme Trump ha detto che si era sbagliato: non si può e l’ambasciata americana da Tel Aviv. L’avesse fatto, i sauditi avrebbero comprato dai russi le armi per 100 miliardi di dollari che avranno da Washington. Divertente e surreale la scoperta di Trump: “Mi avevano detto che era uno degli accordi più duri da raggiungere (la pace fra israeliani e palestinesi, n.d.r.). Ma sento che alla fine ci riusciremo. Spero”. Ed è partito.

A Bruxelles e Taormina ha delegittimato e insultato Nato, UE e G7 come a fatica avrebbe fatto Vladimir Putin che quelle tre istituzioni odia e vorrebbe morte. In effetti Trump sembra psicologicamente e non solo al servizio dei russi. Nemmeno la Talpa di John le Carré infiltrata da Karla nell’MI6, era riuscita a fare tanti danni all’Occidente. Sarà il caso, ma è interessante notare che nello tsunami mondiale di dichiarazioni sbigottite e atterrite, l’unico a non criticare il ripudio americano dell’accordo sul clima, è stato Putin: “Se lasciano gli americani, l’accordo non può funzionare”. Un altro regalo all’amico russo la cui economia vive solo d’idrocarburi e armi. Soldi per investire nelle rinnovabili – come perfino i sauditi stanno facendo – a Mosca non ce ne sono. […continua…]

Continua la lettura qui


Illustr.: American Gothic,
dipinto di Grant Wood (1930), part.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google