RTVS, otto candidati per la poltrona di direttore generale dell’emittente pubblica

La commissione parlamentare Cultura e media ha approvato le proposte di otto candidati per il posto di direttore generale dell’emittente pubblica RTVS (Radio e televisione slovacca). Il 15 giugno il Parlamento in sessione plenaria voterà la persona che dirigerà per un mandato di quattro anni i due canali televisivi e i diversi canali radio di RTVS, incluse le trasmissioni di Radio Slovakia International in cinque lingue straniere. Se il primo turno non darà un risultato univoco con la maggioranza dei deputati, i primi due nomi si scontreranno in un secondo turno previsto per il 22 giugno.

In corsa per l’elezione a ceo dell’emittente statale sono l’attuale direttore generale Václav Mika, Fedor Flašík, Michal Ruttkay, Jaroslav Rezník, Peter Abrahám, Stanislav Velitzka, Richard Dírer e Zuzana Ťapáková. Ognuno di loro ha presentato la propria proposta programmatica per lo sviluppo di RTVS in una udienza pubblica della commissione Cultura e media che si è svolta martedì 30 maggio.

Václav Mika ha rivendicato il lavoro fatto finora, e ha delineato un piano per espandere i servizi digitali e aggiungere ulteriori canali televisivi. Ai due canali tv esistenti, Jednotka e Dvojka, vuole aggiungerne altri due: il terzo canale dovrà essere diretto agli spettatori più esigenti, mentre il quarto sarà un servizio all-news. Un quinto canale, solo online, sarà diretto ai teenager e ai giovani tra i 12 e i 25 anni. Quanto alla radio, Mika punterebbe a raggiungere un pacchetto di quindici canali entro il 2022, otto su FM e il resto online o in servizio digitale. La Radio Slovacca, ha detto, dovrà distinguersi come leader di mercato e conquistare la fiducia degli ascoltatori. Oggi RTVS lavora in pareggio, ma per il futuro Mika chiede alla politica di mettere mano al sistema di finanziamento scegliendo tra un aumento del canone a 7 euro al mese (opzione che lui preferisce), un budget fissato su una percentuale del PIL nazionale oppure una liberalizzazione della politica pubblicitaria.

Tra gli altri candidati, Fedor Flašík ha proposto una fusione tra RTVS e l’agenzia di stampa TASR, Michal Ruttkay ha evidenziato la necessità di dare le notizie in modo equilibrato e autorevole, promettendo di aumentare la popolarità dei canali dell’emittente, che giudica essere troppo bassa e Jaroslav Rezník ritiene fondamentale l’uso di RTVS come mezzo per aumentare l’istruzione della popolazione e dare maggiore attenzione alle minoranze etniche. Peter Abrahám ha proposto di focalizzarsi su una più variegata e consistente produzione regionale e locale dei programmi, Stanislav Velitzka intende ripulire completamente l’organizzazione dell’emittente dall’influenza politica, Richard Dírer vuole centrare il suo lavoro sullo sviluppo delpotenziale delle trasmissioni online rivolte alle generazioni giovani e Zuzana Ťapáková ritiene che sia necessario dare più spazio al giornalismo e dare una spinta al settore radiofonico.

Il primo ministro Robert Fico ha chiesto di recente un cambio di regime alla testa di RTVS. Secondo lui, l’attuale capo di RTVS Vaclav Mika non ha svolto il suo lavoro con obiettività, e la radiotelevisione offre opinioni spesso a favore dell’opposizione, mancando di spiegare le cose buone fatte dal governo. «La televisione slovacca RTVS non fa un servizio pubblico degno di questo nome; io ritengo che faccia il gioco dell’opposizione e che il suo direttore vada cambiato», aveva detto in aprile Fico, provocando un polverone. In novembre aveva apostrofato un redattore a un programma radio con queste parole: «Mi scusi, lei è un giornalista della Radio Slovacca e io sono il primo ministro, veda di non interrompermi quando sto parlando. La prego di rispettare questo. Non siamo in un pub, qui, lei non è un politico dell’opposizione, noi non siamo allo stesso livello».

Secondo il quotidiano Sme il candidato che sembrerebbe preferito dalla coalizione di governo – composta dai partiti Smer-SD, Partito Nazionale Slovacco (SNS) e Most-Hid – è  Michal Ruttkay, un volto noto nel settore della pubblicità. Egli ha proposto tra le altre cose di aprire un terzo canale tv di solo sport (esisteva già, ma fu cancellato anni fa) e un quarto canale per i giovanissimi. Altri media pensano che anche Jaroslav Rezník sia tra i favoriti, ma secondo Sme non è gradito a Most-Hid.

(La Redazione, Fonte RSI/Rtvs)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google