Kiska firma la legge costituzionale per la protezione delle terre agricole

Il presidente Kiska ha firmato in legge il provvedimento approvato all’inizio di maggio dal Parlamento per la protezione costituzionale della terra slovacca dalle acquisizioni speculative. Secondo il documento redatto da parlamentari di SNS l’azione vuole impedire che qualche speculatore acquisti terreni agricoli in Slovacchia per destinarli ad altri scopi non agricoli, una pratica che potrebbe mettere a lungo andare in pericolo la sicurezza alimentare nazionale, oltre a minacciare la sussistenza degli agricoltori slovacchi che hanno difficoltà a competere con la concorrenza sul mercato unico dell’UE.

La nuova formulazione della Costituzione slovacca definisce la terra una «risorsa naturale insostituibile soggetta a protezione speciale da parte dello Stato e della società», andando a correggere la precedente legislazione che considerava la terra alla stregua di una qualunque altra merce. A questo provvedimento seguiranno norme che imporranno condizioni più severe sulle acquisizioni e vendite di terreni.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.