La Corte Suprema deciderà sullo scioglimento del partito di estrema destra di Kotleba

Il procuratore generale Jaromir Ciznar ha presentato mercoledì 24 maggio una mozione alla Corte Suprema con la richiesta di sciogliere il Partito Popolare Nostra Slovacchia (LSNS), formazione di estrema destra guidata da Marian Kotleba. La Corte Suprema aveva sciolto nel 2006 il precedente partito politico Slovenská Pospolitosť (Fratellanza Slovacca), mentre nel 2016 aveva dichiarato illegale la “Guardia del Popolo” inventata da Kotleba sul modello della storica Guardia di Hlinka del secolo scorso.

L’Ufficio del procuratore generale sostiene che la valutazione di una grande quantità di prove» ha dimostrato che il partito politico di Kotleba è un partito estremista con tendenze fasciste e programma ed attività in violazione della Costituzione slovacca, delle leggi e dei trattati internazionali. L’obiettivo di LSNS, secondo la procura generale, è «eliminare l’attuale sistema democratico nella Repubblica Slovacca ».

Sono 170 le denuncie e richieste di scioglimento del partito che la procura generale ha esaminato negli ultimi mesi. Il premier Robert Fico il 9 maggio aveva invitato l’autorità ad agire in tal senso, dicendo che se il partito e le azioni dei suoi membri venissero considerate «qualcosa di normale ed espressione della libertà di opinione o di espressione», faremmo un grandissimo errore. Riferendosi alle espressioni estremiste di LSNS Fico ha detto che non hanno «niente a che fare con la democrazia o con i valori, e prima le fermiamo meglio sarà per il Paese».

Qualunque sarà la decisione della Corte Suprema, difficilmente le cose potranno davvero cambiare, ha dettp a Tablet.tv l’analista politico Eduard Chmelar. Se il partito viene sciolto i suoi membri potranno comunque continuare nel loro impegno politico e i deputati eletti rimarranno al loro posto e potranno creare un nuovo partito in breve tempo. E se la Corte non sostiene la tesi della procura generale, la popolarità di LSNS nella società potrebbe crescere ancora di più.

I sondaggi dicono che il partito di Marian Kotleba è il terzo più popolare nel Paese, con una percentuale di circa l’11%.

Commentando la questione sul suo profilo Facebook il presidente Kiska ha scritto che «come società libera e democratica abbiamo il diritto di difenderci perché rimanga libera e democratica. Abbiamo il diritto di usare tutti i mezzi legali a disposizione. Perché i fascisti come già in passato si approfittano della nostra tolleranza e, nascondendosi dietro la pluralità di opinioni […] puntano a distruggere la società democratica».

(Red)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google