La giornata italiana di Donald Trump

Una intensa giornata romana è andata in scena ieri per il presidente Usa Donald Trump, approdato in Italia nella terza tappa del suo primo viaggio all’estero, il primo da quando siede alla Casa Bianca. Forse il passaggio geopolitico meno impegnativo, se paragonato a quello a Riad e a Gerusalemme, anche se gli impegni veri arriveranno a Taormina, dove dal 26 maggio sarà in corso il G7.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Una intensa giornata romana è andata in scena oggi per il presidente Usa Donald Trump, approdato in Italia nella terza tappa del suo primo viaggio all’estero, il primo da quando siede alla Casa Bianca. Forse il passaggio geopolitico meno impegnativo, se paragonato a quello a Riad e a Gerusalemme, anche se gli impegni veri arriveranno a Taormina, dove dal 26 maggio sarà in corso il G7.

Per il presidente mattinata con udienza in Vaticano dal Papa Francesco, passaggio al Quirinale dal presidente Sergio Mattarella e incontro con il premier Paolo Gentiloni a Villa Taverna. Come indicato dal premier italiano, si è trattato di un colloquio guardando al vertice di Taormina, dove il tema dell’impegno comune contro il terrorismo sarà dominante.

Sulla visita in Vaticano, c’era attesa, anche a seguito del biasimo emerso, da parte di Francesco, nel corso dei mesi, e non è difficile capire perché: da un lato il presidente che ha fatto della costruzione di un muro il corebusiness della sua campagna, dall’altro il pontefice che chiede più ponti e meno muri.

Trump ha definito “l’onore di una vita” incontrare il Papa e si è detto più determinato a perseguire la pace nel mondo dopo la visita. Certo, lascia il Vaticano con diverse cose da leggere, fra cui la famosa enciclica del 2015 sul clima scritta da Francesco, il cui spirito pare lontano dalle recenti scelte di Trump.

In Italia con Trump, anche la first lady Melania, sotto osservazione per il body language in ogni circostanza, specialmente quando si rapporta al marito.

Per il presidente mattinata con udienza in Vaticano dal Papa Francesco, passaggio al Quirinale dal presidente Sergio Mattarella e incontro con il premier Paolo Gentiloni a Villa Taverna. Come indicato dal premier italiano, si è trattato di un colloquio guardando al vertice di Taormina, dove il tema dell’impegno comune contro il terrorismo sarà dominante.

Sulla visita in Vaticano, c’era attesa, anche a seguito del biasimo emerso, da parte di Francesco, nel corso dei mesi, e non è difficile capire perché: da un lato il presidente che ha fatto della costruzione di un muro il corebusiness della sua campagna, dall’altro il pontefice che chiede più ponti e meno muri.

Trump ha definito “l’onore di una vita” incontrare il Papa e si è detto più determinato a perseguire la pace nel mondo dopo la visita. Certo, lascia il Vaticano con diverse cose da leggere, fra cui la famosa enciclica del 2015 sul clima scritta da Francesco, il cui spirito pare lontano dalle recenti scelte di Trump.

In Italia con Trump, anche la first lady Melania, sotto osservazione per il body language in ogni circostanza, specialmente quando si rapporta al marito.

In Italia ci sono anche i consiglieri del presidente, Jared Kushner e la moglie Ivanka Trump: la first daughter ha fatto tappa con il marito anche dal Papa, e dopo l’impegno in Vaticano, alla comunità di Sant’Egidio, per parlare anche di lotta al traffico di essere umani, argomento al centro dell’interesse anche alla Casa Bianca. Ivanka Trump ha incontrato anche la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, con cui ha discusso di pari opportunità, violenza sulle donne e tratta di essere umani.

Al Vaticano, e al Quirinale, era presente anche Rex Tillerson, a capo del dipartimento di Stato e pedina fondamentale dell’amministrazione. E al Quirinale, tra gli altri, c’era anche il consigliere per la Sicurezza nazionale, Herbert Raymond McMaster. Assente invece Steve Bannon, lo stratega dell’amministrazione.

Trump sarà oggi a Bruxelles, per il vertice Nato e tornerà, come detto, in Sicilia per il G7. Nel frattempo, in molti si chiedono perché Trump sembri l’unico sorridente e beato al termine della visita in Vaticano con annessa foto di rito /vedi sotto al titolo), stretto tra moglie e figlia in rigoroso nero e il bianco di Papa Francesco, che francamente non pare del tutto entusiasta.

(Fonte Wired.it cc-by-nc-nd)


Foto palazzochigi cc-by-nc-nd

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.