La foto simbolo del ’68 slovacco su un francobollo e una moneta commemorativa

La fotografia slovacca più famosa nel mondo, “Uomo a torso nudo davanti a carro armato degli occupanti” di Ladislav Bielik, una immagine che ha fatto il giro del pianeta nei giorni caldi dell’agosto 1968, sarà ripreso in un francobollo postale che sarà prodotto in 80.000 pezzi dalle Poste Slovacche per il 50° anniversario dell’invasione della Cecoslovacchia, il prossimo anno. L’autore del soggetto sarà il maestro incisore e pittore artistico Rudolf Ciganik.

Anche la Banca Nazionale della Slovacchia (NBS) prevede l’emissione di un conio commemorativo d’argento con lo stesso motivo, sempre nel 2018.

Nella notte tra il 20 e il 21 agosto del 1968 le truppe di cinque paesi membri del Patto di Varsavia, guidate dai sovietici, invasero la Cecoslovacchia con migliaia di carri armati, camion e mezzi aerei. La vastissima “Operazione Danubio” (si parla di 700mila soldati di cinque paesi “alleati”) fu ordinata direttamente da Mosca per fermare la “primavera cecoslovacca”, la serie di riforme e liberalizzazioni che Alexander Dubcek aveva messo in campo per dare vita a quello che lui stesso definì il “socialismo dal volto umano”. Purtroppo quella stagione di speranze si chiuse improvvisamente lasciando desolazione nel cuore di molti uomini e donne che in Cecoslovacchia avevano creduto nella possibilità di essere comunisti in modo più democratico. Per protesta contro l’invasione e la successiva oppressione sovietica un giovane studente praghese, Jan Palach, si diede fuoco e morì tra atroci dolori nel gennaio del 1969.


La foto di Bielik – dettaglio

La fotografia di Ladislav Bielik è stata scattata la mattina del 21 agosto su piazza Safarikovo, all’imbocco del Ponte Vecchio, dove sostavano diversi carri armati e si svolsero proteste dei cittadini slovacchi contro militari stranieri ritenuti amici fino al giorno prima. L’uomo che si strappa la camicia mostrando il petto nudo davanti al cannone del carro armato mostra l’esasperazione e stupore con il quale molti slovacchi e cechi reagirono all’invasione e divenne il simbolo dell’evento quando fu pubblicata su giornali di tutto il mondo. Fu l’agenzia tedesca DPA a inviarla a quotidiani di primo piano in Europa e Stati Uniti, dopo averla presa da una copia di Smena, il giornale dei giovani comunisti per il quale lavorava Bielik, trafugata all’estero da un fuggitivo. La foto apparve infatti in una edizione speciale del giornale uscita il 22 agosto. Solo di recente, e dopo una battaglia lunghissima, la famiglia Bielik ha potuto rivendicare i diritti d’autore vincendo una causa contro DPA. Ladilav Bielik perse il lavoro a Smena e si dovette arrangiare come freelance e nel settore della fotografia sportiva. Morì nel 1984 in un incidente sul lavoro.

L’edizione straordinaria di Smena del 22 agosto 1968 con le fotografie di Ladislav Bielik (CLICCA PER INGRANDIRE)

Dopo la caduta del muro gli eredi trovarono decine di rullini fotografici nascosti in una valigia in soffitta che contenevano gli scatti di quella giornata di vent’anni prima, rullini dai quali nacque la serie toccante di stampe “August 1989, Bratislava” che è andata in mostra in diversi paesi del mondo. In Italia è stata esposta, oltre che in Ambasciata a Roma, in quattro altre città a cura dell’associazione Allegra.

(La Redazione)

 

Ladislav Bielik, Bratislava 21. August 1968 (invasione Cecoslovacchia – © L.Bielik)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google