Nell’Ue 57.717 suicidi, 3.705 tra i giovani

Dati Eurostat: nel 2014 l’1,2% delle morti registrate dovute a casi premeditati e auto-procurati. In Germania il primato assoluto.

Bruxelles – In Europa il male di vivere non risparmia nessuno. Sono 57.717 i morti suicidi nel territorio dell’Ue nel 2014, secondo gli ultimi dati diffusi da Eurostat, secondo cui l’1,2% dei casi di morte registrati nell’Unione sono da imputare alla natura volontaria e meditata. In termini assoluti il triste primato spetta Germania (10.288), Francia (9.100) e Polonia (5.952), con l’Italia quinto Paese su 28 (4.147). E’ però la Lituania ad avere il tasso di suicidi più elevato dell’Ue, con 32 casi per 100mila abitanti. A farla finita sono soprattutto gli uomini: 44.462 le morti maschili auto-procurate sulle oltre 57mila totali. [In Slovacchia i suicidi nell’ultimo anno sono stati 545 (qui un rapporto)].

Giovani, l’Ue ne perde troppi

Se si prende la definizione di “giovani” data dalle istituzioni Ue nel programma di aiuto per l’occupazione, i giovani vengono identificati in tutti quei cittadini europei di età compresa tra i 15 e i 24 anni. Ebbene, questa particolare categoria vede incidere per il 6,5% nel totale delle morti per suicidio, ben 3.705 nel 2014. A togliersi la vita soprattutto i giovani polacchi (600), seguiti da tedeschi (522) e britannici (412). In Italia il dato tocca i 216 casi. Più in generale sono 3.861 gli under 25 ad essersi tolti la vita in tutta l’Ue, anche in questo caso prevalentemente maschi (3.043).

(Fonte Eunews.it)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.