Oggi a Zilina vernissage con Emilio Isgrò

Con l’inaugurazione, oggi alle 17 a Zilina, della mostra di Emilio Isgrò, artista concettuale, poeta, scrittore, regista che proprio quest’anno compie 80 anni, si apre il “mese italiano” in Slovacchia, quello caratterizzato da un decennio dal festival Dolce Vitaj. Isgrò, nome di primo piano dell’arte italiana del Novecento da oltre cinquant’anni sulla scena, è stato invitato nella sua poliedrica carriera ben quattro volte alla Biennale di Venezia, caso abbastanza raro, e quest’anno esordisce in Slovacchia (dopo Londra e Parigi) grazie al prestito di una cinquantina di lavori dell’Archivio Carlo Palli di Prato. La mostra che apre oggi, curata da Laura Monaldi, rimarrà visitabile fino a metà giugno alla Považská galéria umenia v Žiline.

Leggi qui tutto sulla mostra.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"


L’Archivio Palli già in passato aveva contribuito a diverse esposizioni organizzate dall’Istituto Italiano di Cultura, come quella splendida “Viva Italia!” vista lo scorso anno a Bratislava. Qui una intervista a Carlo Palli, il collezionista che ha creato l’Archivio, una raccolta enorme di arte, documenti, fotografie che raccontano l’Italia artistica del dopoguerra, che parla anche del suo primo incontro con Isgrò e della sua stima per l’artista, che definisce “un vero intellettuale”.


Una spolverata sul programma del 10° Dolce Vitaj lo trovate qui.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.