La Slovacchia nei progetti UNESCO per il turismo sostenibile

Il 2017 è stato dichiarato dalle Nazioni Unite “Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo”. Nel suo messaggio il Segretario generale dell’Onu António Guterres, ha dichiarato: «Ogni giorno più di tre milioni di turisti attraversano i confini internazionali e ogni anno quasi 1 miliardo e 200 milioni di persone viaggiano all’estero. Il turismo è diventato un pilastro dell’economia, un passaporto per la prosperità e una forza di trasformazione in grado di migliorare la vita di milioni di persone. Il mondo può, e dovrebbe, sfruttare il potenziale del turismo, mentre noi ci sforziamo di realizzare L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile».

Alla recente conferenza tenutasi a Bardejov, in Slovacchia, è stato presentato il programma “Patrimonio mondiale e turismo sostenibile” dell’UNESCO, al fine di promuovere lo sviluppo del turismo sostenibile nelle regioni dell’Europa centrale, in particolare in Slovacchia, paese pilota del Gruppo di Visegrad.

Attraverso il marchio Unesco sarà possibile ottenere risorse per la conservazione di siti e monumenti di eccezionale valore universale e promuovere lo sviluppo economico locale.

Il programma Unesco prevede un piano di investimenti locali e internazionali per collegare il turismo con i fornitori locali di prodotti e servizi e promuovere la formazione sui monumenti globali e nazionali.

Un progetto UNESCO per pubblicizzare il Parco Nazionale Poloniny

Un micro-progetto patrocinato dall’UNESCO che sarà lanciato il prossimo autunno riguarda le foreste primordiali di faggio dei Carpazi nel Parco Nazionale di Poloniny, situato nel nord-est della Slovacchia ai confini con Polonia e Ucraina. Questo parco ha un grande potenziale per il turismo e l’economia della gente del posto, compresi i servizi come la ristorazione, l’alloggio e le visite guidate.

Grazie a un contributo finanziario il Parco Poloniny sarà promosso a livello globale in metropoli come New York, Londra, Parigi e Mosca. Secondo gli esperti, gli abitanti delle grandi città potrebbero essere interessati a trascorrere le loro vacanze in un ambiente tranquillo, immerso nella natura e ascoltando il respiro del bosco con i suoi racconti e storie antiche.

Il Parco di Poloniny è stato iscritto dall’UNESCO nel 2007 nella lista del Patrimonio naturale dell’umanità e rappresenta un esempio unico di foreste intatte di faggi e conifere, che coprono circa l’80% della sua superficie. La foresta comprende scenari che non sono stati toccati dallo sviluppo umano. Il nome Poloniny – “prati” – deriva dai dialetti della Slovacchia orientale.

(Fonte BDE)

 


Foto vendin cc-by | Hynek Moravec cc-by-sa | Jiří Komárek cc-by-sa | Marek Silarski cc-by-sa | Caroig cc-by-sa

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google