Ministro: a parte le munizioni rubate, al momento non mancherebbero altre scorte militari

Mentre è ancora in corso un’ispezione nei depositi delle Forze armate in tutto il Paese, il ministro della Difesa Peter Gajdos (SNS) ha rivelato alla commissione parlamentare Difesa che non sembra che siano state sottratte altre munizioni dalle scorte dell’esercito, a parte quelle già rubate nella caserma di Trencin-Kubra, nella parte occidentale della Slovacchia, fatto scoperto all’inizio di aprile da una relazione presentata al Parlamento dal ministro.

Lo Stato Maggiore ha ordinato controlli approfonditi d’inventario di tutte le scorte militari in tutta la Slovacchia, inclusi missili e armamenti pesanti, una operazione che, ha ammesso il ministro Gajdos, richiede circa sei mesi. Al momento non è stato divulgato nel dettaglio quale tipo di munizioni siano mancanti, ma si potrebbe trattare di sei casse contenenti bombe a mano e una con granate anticarro.

Secondo il deputato dell’opposizione Lubomir Galko (SaS), ex ministro della Difesa, se si andrà fino in fondo alla questione diverse persone, tra le quali alcuni già rimossi dai propri incarichi, dovranno rispondere penalmente di quanto successo a Trencin-Kubra

(Red)


Foto dvids cc-by

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google