Ambasciata americana, il comune di Bratislava di nuovo rifiuta la proroga dell’affitto

Il consiglio comunale di Bratislava ha di nuovo votato il 26 aprile contro la proroga del contratto di affitto per l’area sulla quale l’Ambasciata degli Stati Uniti ha costruito una barriera di sicurezza a protezione della sede diplomatica e dell’uso esclusivo del lotto di terreno. Diversi consiglieri hanno voluto così rimarcare la loro contrarietà alla recinzione, che ritengono illegale ed eretta a suo tempo senza i necessari permessi. Peraltro, deturpando una delle piazze più belle della capitale.

La recinzione tuttavia non sarà rimossa tanto presto, perché ancora i diplomatici Usa sono in attesa di costruire un nuovo edificio dove trasferire gli uffici dell’ambasciata. E perché il comune non ha il potere di pretenderne l’abbattimento dato che in base alla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche l’area circostante le ambasciate è parte della loro zona di sicurezza a prescindere da chi ne è il proprietario. Secondo il consigliere Martin Borgula, uno dei più accesi avversari della barriera, la sicurezza dell’ambasciata potrebbe invece essere assicurata anche in assenza di una recinzione.

La zona in oggetto, una superficie di 1.300 metri quadrati su Hviezdoslavovo namestie, nel centro storico di Bratislava, è recintata dal 2005, quando il comune ne concesse l’affitto agli americani. Il contratto è scaduto lo scorso anno ma l’ambasciata aveva chiesto una proroga, che il comune aveva inizialmente concesso fino al 15 agosto 2019 per 481.000 euro all’anno, un euro al giorno a metro quadrato. Gli americani non hanno però rispedito il contratto firmato nei termini previsti, ed entro l’inizio di febbraio doveva dimostrare che la struttura eretta sul perimetro dell’area era legale. Il consiglio comunale aveva già votato contro la nuova proroga del contratto nel settembre scorso e poi a febbraio, e ora si è ripetuto alla nuova presentazione della proposta. L’ufficio del sindaco ritiene che, non potendo sfrattare la sede Usa, l’unica soluzione ragionevole era di incassare nel frattempo i soldi dell’affitto, in attesa che l’ambasciata si trasferisca.

Nel frattempo l’ambasciata ha comunicato di aver trovato un luogo adatto per la nuova sede, fuori dal centro storico, che dovrebbe soddisfare tutte le esigenze di sicurezza e avere un minore impatto sul’ambiente circostante.

(Red)


Foto Krokodyl cc-by
Foto slyronit (part.) cc-by-nc

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google