Quest’anno 20.000 tonnellate di frutta in meno a causa delle gelate di aprile

Le notti di gelo della seconda metà di aprile hanno prodotto vasti danni alle piantagioni di frutta in Slovacchia, con danni per circa 8 milioni di euro, e circa un terzo delle colture sono andate perdute. Una situazione che potrebbe portare ad aumenti dei prezzi sugli scaffali anche del 10%. Le 60.000 tonnellate di frutta prodotte all’anno sono stimate scendere nella stagione 2017 a sole 40.000 tonnellate secondo l’Unione dei frutticoltori slovacchi, che ora si aspettano un aiuto dal governo.

La ministra dell’Agricoltura e dello Sviluppo rurale Gabriela Matecna (SNS) ha lodato gli sforzi degli agricoltori per limitare al massimo i danni delle gelate con tutti gli strumenti a loro disposizione, ma purtroppo il gelo non era solo al livello del terreno: si sono registrate temperature di meno 4 gradi centigradi anche a due metri dal suolo. Matecna ha detto che il primo ministro Robert Fico ha già dichiarato che il governo aiuterà gli agricoltori e i coltivatori di frutta in questa situazione.

Secondo la Camera slovacca dell’agricoltura e dell’alimentazione (SPPK) i frequenti problemi dovuti ai fenomeni climatici hanno bisogno di essere affrontati in modo più sistematico e l’organizzazione intende premere per rendere effettivo il finanziamento di un fondo rischi per il rimborso di parte dei premi assicurativi pagati.

(Red)


Foto pixabay CC0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.