Ministro considera l’obbligo di pubblicazione dei salari sugli annunci di lavoro

Il ministro del Lavoro Ján Richter (Smer-SD) ha indicato che potrebbe sostenere la proposta del deputato dell’opposizione Miroslav Beblavy, scrive Dennik N, di obbligare le imprese a dichiarare lo stipendio minimo in ogni annuncio di lavoro. Oggi molte aziende indicano nelle offerte di impiego un salario “da concordare”. Secondo Beblavy per stimolare la crescita degli stipendi e aumentare trasparenza e concorrenza è necessario costringere le aziende a pubblicare il salario che saà offerto al lavoratore dal primo giorno nel suo nuovo impiego, una cifra al di sotto del quale l’impresa non potrà scendere.

Le aziende sono assolutamente contrarie: siamo noi a pagare le inserzioni, e dunque scriviamo quello che vogliamo, ha detto il direttore della Confindustria slovacca (AZZZ) Vladimir Machunka. Ma il ministro Richter, domenica ospite di una discussione in televisione insieme a Beblavy, ha detto di essere in sintonia con questa idea e che la norma potrebbe essere inserita nella prossima revisione del Codice del lavoro.

(Red)


Foto TaxCredits cc-by

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.