L’OMS lancia l’allarme: 2 miliardi di persone senza acqua potabile

Due miliardi di persone attualmente hanno a disposizione solamente acqua contaminata da inquinanti fecali. È questo l’allarme che arriva dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che insieme a UN-Water, meccanismo di coordinamento tra le agenzie delle Nazioni Unite, sottolinea in un nuovo rapporto la necessità di notevoli miglioramenti per garantire l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici in tutto il mondo e raggiungere così uno degli Obbiettivi di sviluppo sostenibile (Oss) fissati per il 2030.

Nel nuovo rapporto Analisi globale e valutazione di igiene e di acqua potabile (Glaas) 2017, l’Oms spiega che centinaia di migliaia di persone muoiono ogni anno perché costrette a bere acqua contaminata. “Oggi, quasi due miliardi di persone utilizzano una fonte di acqua potabile contaminata con le feci, mettendoli a rischio di contrarre il colera, la dissenteria, il tifo e la poliomielite”, sostiene Maria Neira, responsabile del dipartimento di sanità pubblica dell’Oms.

“Si stima che l’acqua potabile contaminata sia la causa di oltre 500mila morti per diarrea ogni anno ed è un fattore di rischio importante per molte malattie tropicali trascurate, tra cui vermi intestinali, la schistosomiasi e il tracoma”.

Secondo il rapporto, negli ultimi tre anni gli investimenti annuali destinati all’acqua e ai servizi igienico sanitari nel mondo sono aumentati, in media, del 4,9 %. Ma l’80% di questi ha riferito che i finanziamenti non sono ancora sufficienti per soddisfare gli obiettivi a livello nazionale fissati per permettere l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari.

“In molti paesi in via di sviluppo, gli obiettivi di copertura nazionale attuali si basano sul raggiungimento dell’accesso alle infrastrutture di base, che non può sempre fornire servizi sicuri e affidabili in modo continuo”, spiega l’Oms.

Questa è una sfida che possiamo vincere”, commenta Guy Ryder, presidente di Un-Water e capo dell’International Labour Organization.“L’aumento degli investimenti in acqua e servizi igienici può produrre notevoli benefici per la salute e lo sviluppo umano, creare nuovi posti di lavoro e fare in modo che nessuno rimanga indietro”

(Marta Musso via Wired.it, cc-by-nc-nd)


Foto mecem.sk

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google