Ong: la disoccupazione dei rom non si risolve con il lavoro forzato ma con l’educazione

Secondo uno studio realizzato l’anno scorso in sei zone della Slovacchia con forti minoranze rom da due organizzazioni non-profit, l’unico modo per venire a capo della disoccupazione nella comunità rom e aumentare le loro possibilità sul mercato del lavoro non è forzandoli a lavorare per ricevere i sussidi, ma con  lo sviluppo sistematico delle loro competenze e delle opportunità. Lo studio, che aveva lo scopo di misurare l’efficacia delle misure governative che obbligano i rom a lavori sociali per ricevere i sussidi, è stato condotto dal Centro per la ricerca in razza e cultura (CVEK) insieme al Centro per il patrocinio e la ricerca sui rom (RAVS) e presentato l’8 aprile in occasione della Giornata internazionale dei Rom. Gli autori della ricerca, Jarmila Lajcakova e Jana Kadlecikova, sottolineano come l’attuale politica sia basata su un “incoraggiamento” nell’abitudine al lavoro che si presuppone aiuti i rom a trovare un lavoro fisso, spingendoli a comprendere che niente è gratuito, e che i sussidi vanno guadagnati. Ma secondo i risultati dello studio questa strategia non porta da nessuna parte, dicono le autrici, in quanto non aumenta le possibilità dei rom di trovare un lavoro, e non ha alcun effetto in riguardo a una “rieducazione” dei rom.

Il tipo di lavoro cui possono ambire i rom crea disuguaglianze e i lavori svolti per la comunità locale sono premiati con un compenso inferiore a quello che si potrebbero aspettare da un lavoro regolare. Inoltre, il tipo di alvoro e il numero di persone impiegate varia di mese in mese, non c’è una strategia sistematica e questo non aiuta queste persone a sviluppare le proprie ambizioni. Questa politica non va a intaccare quello che è il vero problema delle comunità rom, ovvero il basso livello di istruzione e competenze degli adulti rom. È in questo settore, secondo gli autori, che bisognerebbe andare a lavorare, integrando i rom e aiutandoli a completare la loro istruzione e formazione professionale. Solo in questo modo questa parte della popolazione può condividere una visione del proprio futuro legata a trovare e tenersi un lavoro.

(Fonte RSI)


Foto: un insediamento rom nell’est
della Slovacchia (wikipedia)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google