Sarà il governo, e non il presidente, a nominare il capo dell’autorità per l’energia

Il governo rafforza la sua influenza e controllo nell’Autorità per le industrie di rete URSO, che supervisiona il settore delle utility. Con un emendamento alla legge sul regolamento nelle industrie di rete presentato dal ministro dell’Economia Peter Ziga (Smer-SD) lo stesso ministero e quello dell’Ambiente avranno il diritto di commentare le decisioni sulle tariffe dell’energia prese da URSO. In particolare, il dicastero dell’Economia avrà parola sulle questioni relative ai prezzi per il riscaldamento, il gas e l’elettricità, mentre quello dell’Ambiente potrà influenzare le decisioni sulle tariffe dell’acqua.

Inoltre, la nomina del presidente dell’autorità sarà di esclusiva competenza del governo. Secondo Ziga, l’ufficio manterrà la sua indipendenza ma sarà il governo, e non più il capo dello Stato a nominare la persona alla guida dell’autorità. Del resto, ha detto, è il governo stesso che nella pratica è responsabile agli occhi dei terzi per le attività di URSO, e quindi «è logico che abbia il potere di nominarne il presidente».

La nomina di un nuovo capo di URSO è cosa da farsi in queste settimane, in seguito alle dimissioni in febbraio dopo un decennio di Jozef Holjencik, sospettato di interessi privati nella decisione di aumentare le tariffe dell’energia che a gennaio ha provocato uno scandalo cui il governo non sapeva come porre rimedio.

(Fonte venergetike.sk)


Foto FB.com/mhsr

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google