Migranti, nuova minaccia di sanzioni da Bruxelles a chi rifiuta i ricollocamenti

Se gli Stati membri non aumenteranno presto i rispettivi ricollocamenti, la Commissione non esiterà ad avvalersi dei poteri conferiti dai trattati nei confronti di chi non avrà rispettato gli obblighi». È il monito della Commissione Ue agli Stati membri, che apre così alla possibilità di future procedure di infrazione. Anche se, ammette il commissario Avramopoulos, «non siamo ancora a quel punto». «Gli impegni devono essere rispettati entro settembre e ci aspettiamo che i Paesi intensifichino gli sforzi ma se non lo faranno – ha avvisato – la Commissione non esiterà a usare i suoi poteri fissati dai trattati».

La Commissione ha poi presentato alcune raccomandazioni agli Stati per rendere più efficaci le procedure di rimpatrio, come per esempio «impedire la fuga trattenendo i migranti che lasciano intendere di non voler ottemperare alla decisione di rimpatrio che li riguarda, per esempio rifiutandosi di collaborare nel processo di identificazione o opponendosi in modo violento o fraudolento a un’operazione di rimpatrio».

Il commissario europeo Dimitris Avramopoulos ha inoltre presentato un piano d’azione per intensificare i rimpatri: «Garantire che i migranti irregolari siano rimpatriati rapidamente non solo allenterà la pressione sui sistemi di asilo degli Stati membri e permetterà di mantenere adeguate capacità di protezione per chi ne ha realmente bisogno, ma sarà anche e soprattutto un segnale forte per scoraggiare i pericolosi viaggi della speranza verso l’Ue».

«Dobbiamo dare protezione a coloro che ne hanno bisogno, ma dobbiamo anche rimpatriare chi non ha diritto di rimanere nell’Ue, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali e del principio di non respingimento», ha evidenziato ancora Avramopoulos.

Leggi anche:
L’incubo dei bimbi migranti: metà violentati durante il viaggio

(Fonte La Stampa, cc-by-nc-nd)


Foto Bőr Benedek photo cc-by-2.0
Foto Fotomovimiento/AntonioLitov
cc-by-nc-nd

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.