RS – Il mondo adesso [Oscar, Cile, Germania, Sahara, New Orleans, Trump, Mosul]

news-mondoadesso

Moonlight ha vinto l’Oscar per il miglior film. Il film di Barry Jenkins ha ottenuto anche il premio per il miglior attore non protagonista, Mahershala Ali. La la land, nominato a 14 premi, ne ha vinti sei, tra cui miglior regia, miglior attrice protagonista (Emma Stone), miglior canzone e miglior colonna sonora. Casey Affleck, di Manchester by the Sea, ha vinto come miglior attore, mentre il miglior film straniero è andato all’iraniano Asghar Farhadi, Il cliente. Al momento della proclamazione del miglior film, in un primo momento sono stati chiamati sul palco i produttori di La la land, ma la busta era quella sbagliata.


Milioni di persone sono rimaste senz’acqua in Cile. Le forti piogge e le frane avvenute nei giorni scorsi hanno contaminato le acque del fiume Maipo, costringendo le autorità a sospendere le forniture d’acqua a quattro milioni di persone nella capitale Santiago. Le scuole stono state chiuse e ci sono disagi anche sulle Ande.


Ad Heidelberg in Germania un’auto è finita in una zona pedonale provocando un morto e due feriti. L’uomo alla guida è stato ferito e arrestato dalla polizia dopo aver tentato di fuggire dalla scena a piedi. Il movente dell’attacco non è chiaro ma la polizia ha escluso per il momento che si possa trattare di un attacco terroristico. L’uomo è stato descritto come un trentacinquenne tedesco senza un passato da immigrato. La vittima, un uomo di settantatré anni, è morto in ospedale a causa delle ferite riportate.


Il Marocco annuncia il suo ritiro da una zona del Sahara occidentale rivendicata dal popolo sahrawi. A partire da oggi il regno procederà ad un ritiro unilaterale dalla zona di Guerguerat, un villaggio nel sudovest del Sahara occidentale al confine con la Mauritania. La zona è sotto il controllo del Marocco ma è rivendicata dagli indipendentisti del Fronte Polisario come parte della Repubblica democratica araba dei sahrawi (Sadr). Il 24 febbraio il re Mohammed VI ha avuto un colloquio telefonico con il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres per discutere un piano di ripristino del cessate il fuoco in seguito alle recenti incursioni armate degli indipendentisti.


Migliaia di russi in piazza a Mosca per la manifestazione in ricordo di Boris Nemtsov. La marcia è stata organizzata nel secondo anniversario della morte del leader dell’opposizione ucciso a pochi passi dal Cremlino il 27 febbraio 2015. La manifestazione chiede di riaprire le indagini sulla morte dell’ex vice primo ministro ed oppositore critico del presidente Vladimir Putin. Dissidenti ceceni sono stati condannati per l’omicidio ma gli avvocati della figlia di Nemtsov sostengono che l’indagine non abbia scoperto il vero mandante del gesto.


Un autista ubriaco investe la folla al carnevale di New Orleans e ferisce 28 persone. Il camioncino ha deviato il suo percorso dalla strada aperta al traffico verso il marciapiede da dove centinaia di persone stavano guardando la parata di carnevale della capitale dello stato di Louisiana, negli Stati Uniti. L’autista è stato fermato dalla polizia in apparente stato di ebbrezza e intossicazione. Ventuno dei ventotto feriti sono stati portati in ospedale e tra loro dodici sarebbero feriti gravemente. Si esclude per il momento il movente terroristico.


Donald Trump ha annunciato che non sarà presente alla cena dei corrispondenti della Casa bianca. Il presidente degli Stati Uniti lo ha comunicato in un tweet del 25 febbraio. L’annuncio arriva al termine di una settimana di tensione nei rapporti con la stampa, culminata nell’esclusione di varie testate giornalistiche dalla conferenza stampa a porte chiuse del 24 febbraio. L’evento annuale che riunisce i giornalisti inviati alla Casa bianca è fissato per il prossimo 29 aprile.


La giornalista curda Shifa Gardi è morta in mentre documentava l’avanzata irachena a Mosul, in Iraq. La trentenne inviata della rete curda irachena Rudaw è morta nell’esplosione di una mina su una strada a ovest di Mosul. Il suo cameraman Yunis Mustafa è rimasto ferito nell’esplosione. Le truppe irachene sono entrate nei distretti occidentali della roccaforte del gruppo Stato islamico il 24 febbraio, ma l’avanzata procede a rilento a causa di continui attacchi da parte di cecchini, droni armati e autobombe.


È morto l’attore statunitense Bill Paxton, noto per il suo ruolo nei film Titanic e Aliens. L’attore è morto all’età di sessantuno anni a causa di complicazioni in seguito ad un intervento. Paxton ha recitato in film di successo come The Terminator, Apollo 13 e True Lies ed è stato protagonista dei film Twister del 1996 e A simple plan di Sam Raimi del 1998. Dal 2006 al 2011 ha recitato nella serie televisiva della Hbo Big Love.


I titoli dei quotidiani di oggi 27 febbraio 2017

  • Corriere della Sera: “Suicidio assistito Fabo in Svizzera: lasciatemi libero”
  • La Repubblica: “In Svizzera per l’eutanasia: ‘Vergogna, tradito dall’Italia’”
  • La Stampa: “Renzi su Padoan: ‘Deve avere tutte le rassicurazioni’”
  • Il Messaggero: “Eutanasia, si riapre il fronte”
  • Il Sole 24 Ore: “La Ue aiuti la sua industria”
  • Il Fatto Quotidiano: “Dj Fabo rifugiato politico”
  • Libero: “Ecco i sogni di Berlusconi”
  • Il Giornale: “Dj Fabo come Eluana l’eutanasia rispacca il paese”

 

 


Dal sito Internazionale.it

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google