Detti e proverbi – Zlom väz! … e altri

Gentili lettori, oggi affrontiamo alcuni detti singolari che a prima vista sembrano parlare di violenza, ma – come succede appunto per i detti – niente è come appare a prima vista!

Zlom väz!

Se in questi giorni partite per fare la settimana bianca e i vostri amici slovacchi vi salutano con un bel Zlom väz!, non vi augurano certo di „rompere la nuca/ le giunture/articolazioni“, come da traduzione letteraria. È un equivalente all’italianissimo “In bocca al lupo!” (che di per sé mi suona già abbastanza spaventoso!) ma non ha una risposta come “Crepi (il lupo)!”. Come la versione italiana, il detto viene usato per augurare la buona riuscita di un’azione, nel linguaggio informale. Se volete augurare la buona riuscita di qualche progetto in maniera più formale, preferite le espressioni (Želám Vám) Všetko dobré oppure Nech sa Vám to vydarí.

Kto druhému jamu kope, sám do nej spadne

È un proverbio facilmente capibile dalla traduzione: „Chi scava la buca a un altro, ci cadrà lui stesso.“. Come tanti detti composti da due frasi, si accenna spesso con l’utilizzo della sola prima parte: Kto druhému jamu kope… Se si cerca di nuocere a qualcuno, di preparargli una trappola, spesso si finisce noi stessi come vittima.

wile e coyote explosion gif

Questo detto viene vivamente contestato dagli operatori dei cimiteri che si occupano di scavare le fosse per i nostri cari defunti: nel loro caso il detto ovviamente non viene applicato alla lettera!

Biť do očí – Udrieť do očí

Immaginarsi di essere picchiati o colpiti negli occhi – come sarebbe la traduzione letteraria dei due modi di dire riportati – evoca delle brutte sensazioni. In realtà il primo si riferisce alle situazioni lampanti: To klamstvo bije do očí! „È una bugia chiara e lampante!“. Mentre il secondo si usa per indicare piuttosto la presenza o la mancanza – ma sempre fuori luogo – delle circostanze o degli oggetti, perciò il suo utilizzo è più frequente nelle forme passate. Per spiegarlo meglio, ecco due esempi:

Udrelo mi do očí, že okno bolo otvorené dokorán. „Ho notato subito (e mi è parso strano) che la finestra era spalancata.“

Neudrelo ti do očí, že sa v mori nikto nekúpe? „Non hai notato (e non ti è parso strano) che nessuno facesse il bagno al mare?“

La forma udrieť do očí risulta molto più incisiva dell’utilizzo del semplice verbo vidieť, vedere. Se usata nella domanda negativa, come da nostro secondo esempio, esprime anche lo scontento/ delusione/ rimprovero di chi pone la domanda. Perciò da usarsi con attenzione, preferibilmente nel linguaggio informale.

(Michaela Šebőková Vannini  ―  vedi il suo blog CucinareScrivendo.com)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google