I gesti degli italiani. Luca Vullo per la prima volta a Bratislava

Luca Vullo autore, regista, produttore cinematografico e perfomer con base tra Londra, Los Angeles e la Sicilia, la mattina del 17 febbraio sarà al Kino Lumiere di Bratislava per presentare il suo film documentario “La voce del corpo”, e successivamente incontrare il pubblico e spiegare in maniera piacevole e teatrale la tematica della pellicola.

Il film in questione illustra in maniera divertente la gestualità siciliana, ma più in generale italiana, e nel documentario appaiono diversi personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, tra cui Pippo Baudo, Emma Dante e Mimmo Cuticchio. Il film accoglie inoltre brani di band musicali quali Agricantus, Tinturia e Ipercussonici rigorosamente “Made in Sicily”, come tutto il cast artistico.

Vullo arriva a Bratislava, grazie all’organizzazione dell’Istituto Italiano di Cultura, dopo un tour fatto negli USA.

Nel corso della sua carriera, Vullo ha realizzato film d’impatto socio-antropologico, ben accolti a livello internazionale come il suo primo documentario sull’emigrazione italiana “Dallo Zolfo al Carbone” del 2008, candidato a David di Donatello e Globo d’Oro 2009. Il film ha un taglio storico e psicologico, focalizzato sulle conseguenze del patto italo-belga del 1946, e sulle vite dei minatori italiani in Belgio dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Nel 2011 Luca Vullo ha scritto, diretto e prodotto un documentario sulla gestualità italiana e siciliana in particolare, intitolato “La Voce del Corpo”, che continua a ricevere una calorosa accoglienza a livello mondiale. Infatti, da diversi anni, Università, Istituti Italiani di Cultura, associazioni culturali e scuole in tutto il mondo lo invitano a tenere workshop, lezioni, proiezioni e spettacoli sulla gestualità italiana.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Tra le collaborazioni di rilievo vanno citate la sua partecipazione come insegnante di gestualità per la produzione di Liolà di Pirandello, con la regia di Richard Eyre, al Royal National Theatre di Londra, la collaborazione con BBC come consulente per il programma “See, Hear” e il suo ruolo come artist-in-residence per l’insegnamento della comunicazione non verbale italiana presso il Mills College di Oakland, San Francisco.

La sua ultima produzione è il documentario “Influx”, sull’emigrazione italiana nel Regno Unito, un tema molto caldo in questa fase socio-politica, presentato a Londra poco prima del referendum sulla Brexit. Inoltre, di recente, ha anche curato la regia di un documentario, girato a Los Angeles, su Grant Cobb, noto artista figurativo e tattoo artist americano.


Informazioni
Data: venerdì 17 febbraio 2017
Orario: 10.00
Luogo: Kino Lumiere, Bratislava
Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

(Istituto Italiano di Cultura)


Foto Patrizia Scilla/lucavullo.com

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.