Smog oltre soglia in alcune aree della Slovacchia. Il ministro dell’Ambiente lavora a nuove misure

Alcune città e villaggi della Slovacchia hanno recentemente avuto problemi con alti livelli di smog. L’Istituto Idrometeorologico Slovacco (SHMU) ha emesso diversi avvisi e avvertimenti per i livelli di Pm10 nell’aria oltre le soglie massime. Le allerte sono tutt’ora valide per i comuni di Bystričany nella regione di Trencin, il capoluogo regionale Banska Bystrica, Martin e Ruzomberok entrambe nella regione di Zilina, e i capoluoghi Kosice e Zilina. I livelli sono comunque stati superati di poco, e a causa soprattutto delle forti gelate dell’ultimo mese, e dell’intenso uso del riscaldamento, oltre che della scarsità di ventilazione che non ha aiutato nella dispersione delle polveri sottili. Ma già da oggi, dice SHMU, la situazione dovrebbe sensibilmente migliorare, con venti e nevicate in molte aree della Slovacchia.

Il ministro dell’Ambiente Laszlo Solymos (Most-Hid) ha parlato della questione inquinamento ieri in una conferenza stampa, dicendo che intende correggere il sistema di informazione al pubblico della situazione sui livelli di smog, che finora è stato insufficiente e deve essere migliorato. Tutti i cittadini hanno il diritto di conoscere la reale situazione sull’inquinamento dell’aria, e molti sindaci «mi hanno sollecitato interventi a questo proposito», ha detto, spiegando che «hanno assolutamente ragione».

Il ministro ha dichiarato che la situazione attuale in Slovacchia riguardo lo smog è in gran parte causata dal riscaldamento nelle case, e seppure egli non voglia ordinare lo spegnimento delle caldaie, ha fatto appello ai cittadini di considerare se vale davvero la pena «usare per il riscaldamento un combustibile che inquina l’aria che respiriamo». Per il momento dunque la soluzione sta nella buona volontà degli slovacchi, dato che lo Stato non può certo assegnare un agente di polizia per ogni singola canna fumaria, ha detto il ministro.

Solymos ha detto che, nell’ottica di una riduzione delle emissioni di gas serra, un dato positivo è rappresentato da un calo delle emissioni nell’industria slovacca, anche a causa di una legislazione diventata via via più severa. Rispetto al 1990, le emissioni di anidride carbonica in Slovacchia sono state ridotte di oltre il 45%.

Quanto al futuro, entro quest’anno il ministero dell’Ambiente dovrebbe essere in grado di presentare una nuova strategia ambientale a lungo termine, destinata tra l’altro a migliorare la qualità dell’aria, con l’inclusione di linee guida per mantenere l’inquinamento sotto controllo. In più, la strategia dovrebbe fissare parametri massimi di emissione per le caldaie da riscaldamento domestico, e sussidi pubblici per la sostituzione delle caldaie fuori norma.

(Red)


Foto pixabay-Rabe/CC0

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google