La Slovacchia aderirà a dichiarazione internazionale per le Scuole Sicure

Il governo ha approvato nella riunione di mercoledì la proposta del ministro degli Esteri Miroslav Lajcak di aderire alla Dichiarazione Scuole Sicure, un documento politico non vincolante già firmato da 56 paesi del mondo, tra i quali la Repubblica Ceca e l’Italia, che ha lo scopo di migliorare la protezione di studenti, insegnanti, scuole e università durante i conflitti armati. Come si legge nella proposta, tra le misure di tale documento vi sono «le indagini e la prosecuzione di crimini di guerra, il miglioramento del monitoraggio e la segnalazione di attacchi di questo tipo» alle scuole, la preparazione a una rapida ripresa dell’insegnamento dopo gli attacchi e una serie di linee guida per ridurre al minimo l’uso improprio di scuole e università per scopi militari», come ad esempio la loro trasformazione in basi militari o caserme.

L’iniziativa è dovuta a consultazioni internazionali guidate da Norvegia e Argentina, adottata alla Conferenza Scuole Sicure a Oslo nel 2015, a seguito di un numero crescente di attacchi militari in scuole e istituti universitari a livello globale.  Nel decennio tra gennaio 2005 e marzo 2015 casi di questo genere si sono registrati in almeno 26 paesi durante conflitti armati in Africa, Asia, Sud America, Medio Oriente, ma anche in Europa. Anche l’ONU ha espresso il suo sostegno alla dichiarazione.

(Red)


Foto alexpanoiu cc-by
Foto Flickr/cc-by

 

 

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.