Tagli alle ferrovie: licenziamenti, meno treni e tariffe più alte

L’operatore ferroviario slovacco Zeleznicna spolocnost Slovensko (ZSK) avrà meno soldi dallo Stato il prossimo anno, e rappresentanti della società dicono che non basteranno per un buon funzionamento dell’azienda. ZSK ha tentato di convincere il Ministero delle Finanze a non tagliare i sussidi di Stato, ma non pare essere riuscita nell’intento. Un un articolo in prima pagina il quotidiano Hospodarske Noviny di oggi, dunque, prevede che si deciderà per un calo nel numero di treni che transiteranno sulle rotaie slovacche, mentre allo stesso tempo le tariffe saranno riviste all’insù.

Secondo le informazioni del quotidiano, meno soldi dallo Stato può voler dire anche licenziare fino al 50% dei dipendenti. Anche nell’altra società di trasporto ferroviario, Zeleznicna spolocnost Cargo (ZSSK Cargo), che lo scorso anno aveva circa 10.000 dipendenti, si parla di licenziarne circa una metà. In confronto, la società ceca di trasporto merci impiega lo stesso numero di persone, ma il suo reddito è dell’80% più alto. Inoltre, il precedente Governo aveva fornito a Cargo un prestito statale per mantenere l’occupazione, la cui restituzione dovrebbe iniziare dal prossimo anno, ma l’azienda non ha alcuna idea di dove trovare i soldi per le rate.

(Fonte HN)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.