Lo slovacco Stefanek nominato capo dell’Ufficio del Consiglio d’Europa in Bosnia

Il diplomatico slovacco Drahoslav Stefanek è stato assegnato alla carica di capo dell’Ufficio del Consiglio d’Europa in Bosnia-Erzegovina. Suo compito sarà, come indica una nota del ministero degli Affari esteri slovacco, continuare ad attuare il piano d’azione del Consiglio d’Europa per la Bosnia-Erzegovina e dare consulenza e sostegno a enti e istituzioni statali in particolare nel campo giudiziario per la messa in atto delle norme europee sui diritti umani. Stefanek dovrà anche rafforzare l’autorità del difensore civico nella lotta contro le discriminazioni verso le minoranze e migliorare la protezione delle persone detenute, e consolidare l’applicazione della medicina legale e delle norme che regolano la libertà di parola e dei media nell’Europa sud-orientale.

Per assumere il nuovo incarico, che era vacante da mesi, Stefanek, che è avvocato di diritto internazionale, lascia la funzione di plenipotenziario del governo slovacco nel procedimento dinanzi alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja sul caso di controversia tra Slovacchia e Ungheria sulla diga di Gabčíkovo-Nagymaros.

Il ministro degli Esteri Miroslav Lajcak, già alto rappresentante dell’UE per la Bosnia-Erzegovina, ha commentato questa nomina dicendo che è una conferma  delle qualità della slovacca.

Fondato nel 1949 il Consiglio d’Europa, che conta oggi 47 membri, è un’organizzazione internazionale che ha lo scopo di promuovere la democrazia, i diritti umani, l’identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali in Europa.

(Red)


Illustr: wiipedia

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*