Gasparovic: vorrei abrogate le leggi sulla cittadinanza, ungherese e slovacca

Al programma domenicale di STV ‘O 5 Minut 12′ (5 minuti alle 12), il Presidente slovacco Ivan Gasparovic ha affrontato la questione della legge sulla doppia cittadinanza approvata dall’Ungheria all’inizio di quest’anno, e l’emendamento slovacco alla legge sulla cittadinanza dello Stato che è venuto in risposta a quello. La legge ungherese vuole facilitare l’acquisizione della cittadinanza a tutti i magiari che, pur vivendo in uno Stato straniero, lo richiedano. Quella slovacca, emendata dal Governo Fico, prevede che chiunque chieda una cittadinanza straniera perda quella slovacca.

Se potesse decidere da solo, ha detto Gasparovic, lui abrogherebbe entrambe le leggi, quale cosa «razionale e logica», ha detto, peraltro lui non vede alcun motivo di alimentare inutili tensioni. Richiesto se crede che l’Ungheria possa essere d’accordo su questo proposito, ha detto «dobbiamo provare. Mi preoccupa che questa legge è fonte di un ampio e aspro dibattito», ha detto, alludendo al fatto che il Ministro dell’Interno Daniel Lipsic (KDH) è a favore di sanzioni per gli slovacchi che prendono la doppia cittadinanza, cosa avversata dal presidente del partito slovacco-ungherese Most-Hid, Bela Bugar.

Per quanto riguarda invece la modifica del Ministero della Cultura alla legge sulla lingua di Stato, che pure è criticata per il mantenimento delle multe, ha detto che le sanzioni sono necessarie. «Questa è una normale legge che protegge la lingua dello Stato e che rispetta tutte le nazionalità che sono autorizzate a parlare la loro lingua nel nostro Paese».

(Fonte STV)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google