Pellegrini: Internet per tutti nel 2017, e investimenti nelle regioni arretrate

Il vice primo ministro per gli Investimenti e l’Informatizzazione Peter Pellegrini (Smer-SD) ha fissato per l’anno corrente l’obiettivo di colmare le lacune ancora esistenti nella copertura Internet e ampliare l’accesso alle moderne tecnologie in Slovacchia. Egli ritiene che per dare a tutti la possibilità di una migliore qualità della vita siano necessarie non solo nuove strade e ferrovie, ma anche le infrastrutture digitali. Il vice premier si è detto felice di poter dire, «dopo difficili trattative con gli operatori […] che stiamo finalmente cominciando ad eliminare progressivamente i “buchi neri” per fare in modo che non ci siano più posti in Slovacchia senza Internet entro la fine di questa legislatura [2020]». E questo a «prescindere dalla regione geografica o dalla classe sociale» degli utenti, ha sottolineato.

Pellegrini ha anche citato un altro compito sul quale il suo dipartimenti sarà concentrato nel corso del 2017: proseguire l’opera del governo per portare nuovi investimenti nelle regioni meno sviluppate del paese, con i piani d’azione già iniziati l’anno scorso e tentando di utilizzare al meglio in questo campo una buona parte dei 15 miliardi di euro di fondi strutturali dell’UE. La priorità sarà quella di rendere attrattive per gli investitori stranieri le aree della Slovacchia che sono più arretrate in infrastrutture e servizi.

(Red)


Foto nrsr.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.