Consumatori pazzi per il miele, apicoltori slovacchi non in grado di soddisfare la domanda

Il consumo di miele in Slovacchia è aumentato a tal punto che gli apicoltori slovacchi non riescono a coprire la domanda del mercato, e si deve ricorrere all’importazione di miele dall’estero, ha detto il presidente slovacco dell’Associazione degli Apicoltori, Ludovit Gal, secondo il sito Teraz.sk.

Ogni anno la Slovacchia importa tra le 3.500 e le 4.000 tonnellate di miele da paesi come Cina, Argentina e Messico, e questo nonostante per diversi anni, dal 2004 al 2010, noi abbiamo avuto una eccedenza di miele e dovevamo cercare clienti all’estero, ha detto Gal. Ma mentre negli ultimi anni la produzione è diminuita (oggi sono 270.000 gli alveari nel paese, mentre in passato erano oltre 400.000), il consumo di miele pro capite è cresciuto in modo esponenziale nell’ultimo decennio, passando da 250 grammi  nel 2004 a 1,2 chilogrammi nel 2015.

Secondo il Ministro dell’Agricoltura Gabriela Matecna (SNS) la diminuzione degli apicoltori è causata in parte dalla natura complessa di questo mestiere. In passato, ha detto, «c’erano terreni coltivati con una maggiore varietà di colture, mentre oggi abbiamo principalmente campi monocoltura che non offrono alle api il cibo adatto». Matecna ritiene che il miele slovacco sia tra i migliori al mondo, fatto del resto confermato da diversi riconoscimenti internazionali.

(Red)


Foto allagashbrewing cc-by

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google