Ferrovie, niente accordo tra il ministro Ersek e RegioJet sulla tratta Bratislava-Košice

Un incontro avvenuto ieri tra il ministro dei Trasporti e la società ferroviaria privata RegioJet non ha portato alcun risultato, e il vettore ceco conferma la cessazione del suo servizio sulla linea ferroviaria Bratislava-Košice il prossimo 31 gennaio. Il ministro Arpad Ersek (Most-Hid) dopo il colloquio fallito ha rilasciato una dichiarazione nella quale dice che lo Stato farà il possibile per «garantire ai passeggeri posti sufficienti» nei treni che dopo tale data continueranno a fornire il trasporto tra le due maggiori città della Slovacchia.  Nei giorni scorsi la compagnia statale ZSSK aveva fatto sapere di essere pronto a supplire al venir meno dei treni di RegioJet.

RegioJet aveva annunciato la scorsa settimana che avrebbe cessato la rotta Bratislava-Košice dopo la recente reintroduzione dei treni InterCity statali, che sono gratuiti per i pensionati e gli studenti, citando come ragione la mancata sostenibilità economica del servizio. RegioJet aveva chiesto l’estensione anche ai vettori privati della possibilità di consentire il viaggio gratis sui loro treni espressi, chiedendo allo Stato la metà dei fondi garantiti per tale scopo al vettore pubblico ZSSK. L’altra metà dei costi sarebbe stata sostenuta dall’azienda stessa.

Il ministero ha rigettato la richiesta di sovvenzioni avanzata dal vettore privato spiegando che il bilancio del dicastero non è in grado di sostenere i costi che questa operazione comporterebbe. La società ceca ha deciso dunque a malincuore di rinunciare al servizio sulla principale linea ferroviaria della Slovacchia, ma ha garantito che continuerà ad operare sulle altre tratte già attive, rafforzando in particolare la linea ferroviaria Košice-Praga.

(Red)


Foto Jamie Moore cc-by-nd

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.