Natale, tempo di festa in famiglia e di ‘Christmas blues’

natale_hans-cc0

Il ‘Christmas blues’ è quella malinconia che prende sotto le feste di Natale. Mentre la gran parte delle persone vive con piacere l’atmosfera natalizia, ce ne sono molte altre che ne soffrono il disagio. Shopping natalizio, luci allegre per le strade e poi quel rituale “della vigilia da me e il pranzo del 25 da te”, il momento in cui il parente o l’amico si ritrova, in modo più o meno obbligato. Il Natale è poi tempo di bilanci esistenziali e della percezione del tempo che scorre. Tutto ciò può procurare un senso di disagio che chiamare depressione sarebbe azzardato, ma certamente “si diventa più apatici e malinconici del solito”, spiega la psicoterapeuta Francesca Saccà a Vitadidonna.it.

È il Christmas blues, colpisce in misura maggiore dai 30 anni in su, al contrario, i giovanissimi e gli anziani sembrano estranei al fenomeno. Alla base del disagio ci sarebbe la vicinanza, in qualche modo obbligata, ad amici e parenti. Un ritrovarsi che induce ai bilanci e i paragoni. L’esperta invita a “vivere il confronto con gli altri con serenità e in maniera costruttiva”. Ciò significa che dove esistono delle “differenze che vanno a proprio sfavore bisogna cercare di lavorare sul positivo, su quanto di buono si potrebbe fare”.

I consigli? Cercare di essere più “flessibili e leggeri”, provare a seguire i propri desideri e, se occorre, dire anche qualche no. Se ben spiegate, le ragioni di un ‘no’ possono essere comprese dalle persone vicine.

(Fonte)

Leggi anche:
Mal di stomaco natalizio: colpa dei parenti


Foto Hans/CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.