Ministro Zitnanska: le parole di Fico fanno male al governo e alla politica

zitnanska

La volgarizzazione del vocabolario politico è dannosa sia per il governo che per la politica slovacca, pensa il ministro della Giustizia Lucia Zitnanska (Most-Hid), riferendosi alle recenti dichiarazioni dai toni forti rivolte dal primo ministro Robert Fico (Smer-SD) a certi giornalisti. «Alcuni di voi» aveva detto Fico il 23 novembre, «sono sporche prostitute anti-slovacche», accusando un atteggiamento da lui definito “battagliero” dei media nei confronti dell’esecutivo. Voi «non informate, voi combattete contro questo governo», aveva spiegato il premier rispondendo alle accuse mosse contro il ministero degli Affari esteri ed Europei per presunte manipolazioni e sprechi su certi eventi organizzati in occasione della presidenza slovacca del Consiglio dell’UE. Fico aveva lamentato un “attacco mirato” contro il ministro degli Esteri Miroslav Lajcak (Smer-SD ) e un semestre di presidenza che lui è convinto sia stata e sia tutt’ora un successo.

Zitnanska ha detto, nel corso di una conferenza stampa, che «La creazione di nemici e l’impegno in una lotta furiosa contro questi nemici fabbricati è anche dannoso per la politica e il governo». Il ministro ha sottolineato che non ha mai usato e mai potrà usare un linguaggio così abrasivo come quello usato dal primo ministro. Sta a Fico, comunque, considerare se fare o meno le sue scuse alla comunità dei giornalisti, ha detto.

Le parole di Fico, che sono state riportate con grande enfasi dalla stampa estera, sono state condannate sia dal Sindacato slovacco dei giornalisti (SSN) sia dalla sezione slovacca dell’Associazione dei giornalisti europei. La dichiarazione ha anche fatto notizia sulla stampa estera.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.