Vienna biasima la Germania per la proroga ai reattori nucleari tedeschi

L’Austria ha espresso ieri il suo disappunto, e disapprovazione, per la decisione della Germania di prorogare fino all’anno 2035 l’operatività dei suoi reattori nucleari. Secondo il cancelliere austriaco Werner Faymann la soluzione è sbagliata, poiché «la proroga soltanto per una questione di reddito, e rappresenta un rischio». Il Ministro dell’Ambiente Nikolaus Berlakovich ritiene che la decisione di estendere la vita dei reattori in Germania è «un passo indietro, dal momento che la Germania potrebbe essere un partner importante» degli austriaci, che non apprezzano in particolare la centrale elettrica in Baviera, a pochi chilometri dal confine austriaco.

L’Austria nei tardi anni 80 ha vietato per legge l’uso di energia nucleare, e pertanto critica duramente i Paesi circostanti, tra cui Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e, più recentemente Germania, per farne uso.

Anche se dieci anni fa Berlino si era impegnata a disattivare nel 2020 i restanti 17 reattori nucleari, ieri ha risolutamente cambiato idea con una decisione del Cancelliere Angela Merkel, che ha accettato di prolungare la loro attività per altri 15 anni.

(Fonte SITA)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.