Diversi deputati sotto torchio per conflitto di interessi, uno rischia multa di 100.000 euro

parlamen-slo_(nrsr.sk)

La Commissione parlamentare per i conflitti di interesse convocherà diversi deputati, e lo stesso presidente del Parlamento Andrej Danko a spiegare le loro potenziali violazioni della legge sul conflitto di interessi. Uno dei legislatori, Stanislav Kubanek di Smer-SD, potrebbe anche rischiare una multa di 100 mila euro. La commissione ha in particolare avviato un procedimento contro Danko, Stefan Zelnik, Tibor Jancula (tutti membri SNS), Kubanek e Peter Suca (entrambi Smer-SD) e Eugen Jurzyca (SaS).

Nel caso di Suca e Jurzyca, la commissione tratterà delle loro licenze commerciali (la cosiddetta živnosť per l’attività di lavoratore autonomo), che i deputati non hanno sospeso durante il loro mandato parlamentare, come pretende la legge. I due deputati hanno tuttavia segnalato spontaneamente alla commissione di non essersi accorti che la sospensione delle loro licenze era inavvertitamente scaduta.

zivnost-licenzacommer

Kubanek, che è capo regionale a Presov del partito socialdemocratico Smer-SD, è il soggetto più esposto, perché avrebbe mantenuto la licenza commerciale per più anni, e durante il mandato parlamentare sarebbe anche stato registrato come rappresentante legale di una ditta. Anche lui si è autodenunciato alla commissione, ma la cosa potrebbe costargli una sanzione fino a 100 mila euro per le nove violazioni costituzionali che gli sono addebitate, anche se non rischia il suo seggio di deputato. Secondo il canale televisivo Markiza nel partito Smer girava voce che il deputato si sarebbe dimesso evitando così il grosso delle sanzioni.

La commissione sta prendendo provvedimenti anche contro tre deputati del Partito Nazionale Slovacco (SNS) riguardo a prestiti da loro concessi al partito prima delle elezioni del marzo 2016. Zelnik e Jancula hanno ammesso con una lettera che hanno dimenticato di includere le somme tra i crediti nei confronti di terzi nelle loro dichiarazioni dei redditi 2015. La posizione di Danko è invece stata resa pubblica dai media, scrive l’agenzia Tasr.

I parlamentari non possono richiedere o mantenere una licenza commerciale per l’attività di lavoratore autonomo, o essere amministratori di società, mentre svolgono il loro mandato elettorale.

(Red)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google