I viticoltori chiedono di riaprire la caccia agli storni

vigneti sui piccoli carpazi

I viticoltori slovacchi lamentano l’aumento degli storni, che si muovono in grandi stormi e stanno causando danni su larga scala per le coltivazioni agricole e in particolare alle vigne. Per questo decine di loro hanno firmato una petizione per chiedere al ministero dell’Ambiente una deroga al divieto di caccia di questo tipo di uccello particolarmente dannoso, informa la Camera Slovacca dell’Agricoltura e dell’Industria alimentare (SPPK). In Slovacchia gli storni sono protetti dalla legge.

Il proprietario di una azienda vinicola dei Piccoli Carpazi (regione di Bratislava) ha detto che nell’ultima vendemmia sono andati completamente distrutti a causa degli storni due ettari di vigneti su dieci totali, un danno per lui di circa 40 tonnellate di uva, pari a oltre 20.000 euro. La protezione dei grappoli con apposite reti da avvolgere intorno alle viti è complicata e costoso, e comporta molto lavoro manuale, mentre i sistemi di dissuasione sonori, con detonatori a gas, hanno cominciato a perdere il loro effetto, e gli gli storni sembrano essercisi abituati. Non sono efficaci nemmeno i rapaci, che vengono addirittura scacciati da stormi con migliaia di storni.

(Red)

_
Foto: vigneti sui Piccoli Carpazi

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google