Radioattività: studio SAV sulla vegetazione a Chernobyl

I ricercatori dell’Accademia slovacca delle Scienze (SAV) hanno pubblicato le prime analisi di uno studio sulla flora dell’area di Chernobyl, in Ucraina, ipotizzando che le piante abbiano sviluppato un meccanismo di difesa antitossico già usato milioni di anni fa. I giornali europei erano tornati a interessarsi dell’area intorno alla centrale di Chernobyl non più di un mese fa, quando l’avanzare degli incendi in Russia era prossimo a bruciare l’area contaminata. Il pericolo dichiarato riguardava le piante e gli alberi, imbevuti di sostanze radioattive, che ardendo avrebbero immesso nell’aria i gas tossici con conseguenze immaginabili. L’emergenza rientrò dopo pochi giorni, e quanto temuto non accadde. Ma ciò che incuriosì una parte dell’opinione pubblica occidentale fu sapere che nel territorio ucraino la flora era cresciuta nonostante tutto, come se il reattore numero quattro dell’impianto nucleare non avesse mai avuto problemi.

Un mistero durato nel tempo, e a cui la rivista Environmental Science and Technology ha recentemente dedicato un articolo, frutto di uno studio sui meccanismi biologici che hanno consentito alle piante di crescere adattandosi e sopravvivendo in terreni altamente radioattivi. Secondo Martin Hajduch, studioso dell’Accademia slovacca delle Scienze che con i colleghi ha portato avanti la ricerca, le piante hanno mostrato una capacità eccezionale, e per certi versi insospettabile, di adeguamento all’ambiente contaminato dalle radiazioni del 26 aprile 1986. «È semplicemente incredibile quanto rapidamente questo ecosistema sia stato in grado di adattarsi», spiega Hajduch, che ha ricordato che già in passato gli scienziati si erano interessati al fenomeno, limitandosi però soltanto alle analisi della soia presente nell’area. Si era scoperto che le piante avevano mostrato cambiamenti nel loro proteoma (l’insieme delle proteine di un organismo o di un sistema biologico). Ma il più ampio spettro di cambiamenti biochimici che avevano permesso alla vegetazione di proliferare in un ambiente così inquinato era rimasto un enigma esemplificato nel paesaggio della città di Pripyat: deserta ma rigogliosa. Tre anni fa alcuni ricercatori indossarono maschere e guanti decisi a investigare sul fenomeno.

Entrarono in un campo seminato a soia e lino per prelevarne i semi e piantarli in una terra decontaminata. Hanno poi atteso che le piante crescessero e producessero a loro volta altri semi per esaminarne le proteine. Lo studio comparato ha portato ai risultati spiegati dallo stesso dottor Hajduch: «Nella soia abbiamo rilevato la mobilitazione delle proteine di riserva dei semi e dei processi simile a quello che si vede quando le piante devono adattarsi ai metalli pesanti. Nel lino è stato diverso, poiché abbiamo notato più proteine coinvolte nel processo».

L’ipotesi è che il meccanismo messo in atto abbia avuto origine milioni di anni fa, quando le forme di vita furono esposte ad alti livelli di radiazioni naturali. «Allora c’era molta più radioattività di quella che abbiamo adesso, e probabilmente le piante svilupparono una difesa che tuttora possiedono». Ovvero, non potendosi muovere per cercare condizioni migliori si sono adattate con successo all’ambiente.

(Da un articolo di Alessandro Nannini per  Terra)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google